In Lapponia per ammirare il Sole di mezzanotte

Quando arriva l’estate, le giornate si allungano. In Lapponia, invece, non finiscono mai. Sì, perché qui il Sole non tramonta, resta lì a mezz’aria a vegliare, finché gli occhi non si chiudono e si decide che è ora di andare a dormire, per svegliarsi la mattina con la luce più abbagliante che mai.

Uno spettacolo assolutamente naturale che si può ammirare in Lapponia, al quale noi non siamo abituati, ma che bisogna provare. Le giornate qui sono infinite, perfette per fare tutte le attività che si desiderano.

Due confini, una sola terra

C’è una zona di questa splendida regione del Nord che si trova al confine tra Svezia e Finlandia, una zona meno frequentata dalle orde di turisti perché ci troviamo proprio là dove comincia la Lapponia e che, proprio per questo, regala esperienze uniche.

Stiamo parlando di Haparanda-Tornio, due città gemelle, la prima svedese e la seconda finlandese. Queste due città sono divise da un fiume, il Torne, che ne segna il confine naturale, ma un tempo erano un unico territorio. Ci sono dei villaggi, come Kukkola, per esempio, che è rimasto diviso in due quando fu tirata una riga per separare i due Paesi, ma che ancora oggi ospita membri della stessa famiglia, alcuni svedesi altri finlandesi, che parlano una lingua comune chiamato Meänkieli. Un luogo davvero speciale, da visitare d’estate per le tantissime attività all’aperto che si possono fare. A partire dal Sole di mezzanotte.

Fonte: @Haparanda – TornioL’arcipelago di Haparanda-Tornio, tra Svezia e Finlandia

Come vi abbiamo raccontato dopo averle visitate d’inverno, Haparanda-Tornio offrono un’atmosfera da villaggio nordico, difficile da trovare altrove. Entrambe piccole e tranquille, offrono tutti i servizi necessari per trascorrere una vacanza come un “local”, senza l’affollamento turistico tipico delle altre grandi mete nordiche.

Ammirare il Sole di mezzanotte

Questo fenomeno astronomico si manifesta solo nelle regioni polari, quando il Sole non scende mai dietro l’orizzonte, permettendoci di vivere giornate luminose, accecanti e uniche. Grazie a questo fenomeno naturale, che si verifica durante la stagione estiva, è possibile ammirare scenari di incredibile bellezza. Spettacoli che lasciano senza fiato, con il tramonto che non svanisce mai e che si affievolisce solo con l’arrivo dell’alba, dando vita a nuove luci e colori.

E, proprio a partire dal tardo pomeriggio, è possibile osservare quelle mille sfumature di giallo, rosso e arancione che colorano tutt’intorno il paesaggio e che tingono persino le città. Non stupisce, quindi, che l’estate sia destinata a diventare il periodo migliore per scoprire alcuni dei più bei paesaggi naturali e incontaminati tra Svezia e Finlandia, illuminati dal Sole di mezzanotte.

I luoghi più belli dove ammirare il Sole di mezzanotte sono sicuramente quelli vicini all’acqua, dove il riflesso del Sole, del cielo e delle nuvole si specchia dando vita a uno spettacolo infinito.

Attività estive sull’acqua

Il fiume Torne sicuramente regala tantissime opportunità. Lo si può navigare con i kayak o facendo rafting sulle rapide con il gommone oppure risalire lentamente il corso del fiume a bordo di un piccolissimo traghetto all’aperto, godendosi i paesaggi puntellati di tipiche casette rosse che sembrano uscite da un libro di fiabe.

Anche pescare qui non è come altrove. La pesca nel fiume Torne (o Tornio) si fa sporgendosi su lunghi ponti di legno con il sistema tradizionale (e sostenibile) che adopera dei retini speciali con un lungo manico. Avete mai pescato un vero salmone che risale la corrente? Qui lo si può fare.

Si può anche remare tranquillamente sul Mar Baltico, dove sfocia il fiume Torne, oppure decidere di approdare su un’isola dell’arcipelago del Golfo di Botnia e rilassarsi sulle rive prendendo il Sole (ci si abbronza anche a queste latitudini). Le isole sono tutte differenti. Alcune offrono spiagge di sabbia con acque poco profonde, altre sono rocciose, con foreste di bacche e funghi. Le gite in barca si fanno da fine giugno a metà agosto.

Per chi non ha voglia di remare, invece, si può prenotare un comodo taxi boat e fare il cosiddetto “island hopping“, il tour delle isole.

Fonte: @KukkolaforsenL’estate sulle rive del fiume Tornio

Gli animali della Lapponia

D’estate i Sami portano le renne più a Nord dove i pascoli sono verdi, ma è comunque possibile incontrarle. Al Ranua Wildlife Park, sul lato finlandese, si può scoprire la fauna che vive al Nord e nella zona artica. Gli animali vivono in spaziose recinzioni in mezzo a vaste foreste. Nella fattoria Arkadia vivono circa 70 specie diverse di animali tipici delle fattorie finlandesi oltre ad alcuni altri più esotici. Qui è possibile soggiornare.

Un percorso naturalistico e culturale molto bello che si può fare in barca passa nel Parco nazionale dell’arcipelago di Haparanda, lungo la bellissima isola di Sandskär, famosa per le sue lunghe spiagge sabbiose: qui si possono osservare gli alci liberi nella foresta. Inoltre, nel golfo, da metà agosto fino a ottobre si possono addirittura osservare le foche.

Passeggiate nei boschi

Esplorare i boschi di Haparanda-Tornio a piedi o a cavallo di una comoda e-fatbike è il modo migliore per godersi la natura lappone. Qui i boschi sono fitti di conifere, i sentieri segnati alla perfezione come ci si aspetterebbe da un Paese nordico e non mancano neppure i servizi.

Fonte: @Haparanda – TornioIn bicicletta lungo i sentieri dell’isola di Seskarö

Si può partecipare a un’escursione di un giorno in alcune delle riserve naturali oppure seguire i sentieri dell’isola di Seskarö (dove è anche possibile soggiornare) o fino in cima al monte Nivavaara, da dove si ha una fantastica vista sulla valle del fiume Tornio.

Cosa vedere nella zona

Haparanda-Tornio è la porta della Lapponia e qui non c’è solo natura, anche se decisamente la fa da padrona. Vi si trovano anche alcune chicche che vi consigliamo di visitare per comprendere la storia di questa terra di confine. Sul lato svedese, a Luleå, per esempio, c’è Gammelstad, il villaggio parrocchiale più grande e meglio conservato della Svezia, inserito nella lista dei Patrimoni dell’umanità dall’Unesco.

Comprende 424 abitazioni di legno rosso costruite intorno alla chiesa in pietra di Nederluleå, risalente agli inizi del XV secolo. Un tempo i villaggi parrocchiali erano molto comuni nel Nord della Scandinavia e servivano a ospitare i fedeli che venivano dal territorio circostante fin qui per la messa e che non sarebbero riusciti a rientrare nelle proprie case prima del tramonto.

Fonte: 123rfil villaggio di Gammelstad in Svezia

A cavallo tra Svezia e Finlandia c’è il villaggio di Kukkola a cui abbiamo già accennato. È un antico borgo con edifici storici di legno, come la torre dell’orologio, il vecchio affumicatoio di legno, il piccolo museo della pesca e gli antichi mulini.

Sul versante finlandese, a Tornio, invece, ci sono alcune delle chiese lignee più antiche e meglio conservate della Scandinavia e c’è anche una chiesa ortodossa costruita all’inizio del 1800 per le truppe russe (la Finlandia ottenne l’indipendenza dalla Russia solo nel 1917).

Fonte: @Haparanda – TornioIl villaggio di Kukkola, tra Svezia e Finlandia

Infine, proprio nel centro di Tornio è stato aperto di recente il Tornio Valley Museum, il museo della valle del Torne, che racconta le tradizionali fonti di sostentamento, cibo, cultura, identità locale e storia delle due città, Tornio e Haparanda.

L’immancabile sauna

Nella cultura nordica, la sauna ha sempre avuto un ruolo fondamentale, come luogo di aggregazione, come ospedale – non c’era posto più sterile di questo – , riparo e quant’altro. Un’attività così tanto radicata nella cultura da essere inserita dall’Unesco nel 2020 nella lista dei beni culturali immateriali. Ancora oggi, spesso, la sauna viene costruita addirittura prima della casa. E un’esperienza in una sauna quando si viene al Nord non può mancare. Ad Haparanda-Tornio si ha una vasta scelta di saune, da quella più grande del mondo a Cape East a quelle nelle tinozze riscaldate da un fuoco a legna. Ogni hotel, campeggio o lodge ne ha almeno una.