Intelligenza Artificiale e gli ‘ Dei dietro le maschere | / WIRED AI & Dintorni

“Perché non ti unisci a loro?”chiese Ozioma. Presentandosi dietro Amaka sul balcone, la padrona di casa accese una sigaretta di marca inglese, si appoggiò alle ringhiere e sbirciò verso il basso.

” Ero la regina della danza del nostro villaggio”, continuò Ozioma, con gli occhi offuscati dalla nostalgia. “Non cercando di vantarsi qui, ma non un solo ragazzo potrebbe distogliere lo sguardo da me. Mio padre odiava quando ballavo, però. Minacciava di picchiarmi ogni volta che mi beccava a ballare.”

“L’hai ascoltato?”

Ozioma rise di cuore. “Perché mai un bambino dovrebbe rinunciare a ciò che ama perché i suoi genitori hanno detto di no? Alla fine, ho trovato un modo che mi avrebbe permesso almeno di finire il ballo.”

“Che cos’era?”chiese Amaka.

“Indossavo un Agbogho Mmuo ogni volta che ballavo.”

Che?“Gli occhi di Amaka si allargarono. L’Agbogho Mmuo era la maschera sacra dell’Igbo del nord, che rappresentava gli spiriti delle fanciulle e la madre di tutta la creazione vivente.

“Vedi, mio padre aveva la tua espressione esatta quando mi vide con la maschera. Non aveva altra scelta che inchinarsi, per mostrare il suo rispetto per la maschera e la dea che incarna. Certo, dopo aver finito con la danza, con la maschera spogliata, avrei avuto la mia parte di rimprovero”, ha detto Ozioma, raggiante di orgoglio, come se il ricordo l’avesse temporaneamente riportata ai giorni in cui era una giovane ragazza.

Sentendo la storia di Ozioma, Amaka sentì un’idea, sfocata e informe, che sfrecciava nella sua mente come un pesce. Si strinse la faccia, pensando. “Maschera …”

“Sì, bambina. La maschera è dove il mio potere è venuto da.”

“Togliere la maschera? Togliere la maschera, “mormorò Amaka.

Tutto ad un tratto, saltò in piedi e baciò Ozioma sulla guancia. “Grazie, oh grazie, mia regina della danza!”Si precipitò di nuovo nella sua stanza, lasciandosi alle spalle il trambusto della parata e un Ozioma molto confuso.

“Forse girare una bugia e metterla in bocca a FAKA non farà abbandonare i suoi seguaci il loro idolo”, ha detto Amaka a Chi via video chat quel pomeriggio, eccitato dalla sua nuova scoperta. “Ma togliersi la maschera e rivelare il burattinaio nascosto potrebbe.”

” Nessuno sa chi sia il burattinaio”, rispose Chi.

“Esattamente!”Amaka raggiante. “Non vedi? Significa che il burattinaio può essere chiunque.”

“Quindi, stai suggerendo che …”

“Posso togliere la maschera di FAKA e renderlo qualsiasi persona tu voglia che sia.”

Chi è caduto in silenzio nella chat video.

” Sei un cazzo di genio”, mormorò infine Chi.

Ndewo, “disse Amaka, preparandosi a firmare.

“Aspetta,” Chi alzò lo sguardo. “Significa che è necessario creare un volto che esiste nella realtà.”

“Sì.”

” Un volto che può ingannare tutti i rivelatori anti-falsi”, ha aggiunto Chi, meditando. “Pensa alla distorsione del colore, al modello di rumore, alla variazione del tasso di compressione, alla frequenza dei lampeggi, al biosegnale … è fattibile?”

” Ho bisogno di tempo”, disse Amaka. “E potenza di calcolo cloud AI illimitata.”

“Ti richiamo.”Chi si è disconnesso.

Amaka guardò il suo riflesso nello schermo del monitor oscuramento. La scarica di adrenalina che inizialmente lo aveva travolto era svanita. Vide sul suo volto non l’eccitazione, ma la stanchezza e un sentimento instabile, come se avesse tradito uno spirito guardiano che guardava dall’alto.

In teoria chiunque potrebbe falsificare un’immagine perfetta o un video, almeno abbastanza bene da ingannare i rilevatori anti-falsi esistenti. Il problema era la potenza di calcolo dei costi.

I falsi e i loro rivelatori erano impegnati in una battaglia eterna, come Eros e Thanatos. Amaka aveva il suo bel da fare per lui, ma era determinato a riuscire a raggiungere il suo unico obiettivo: la creazione di un vero volto umano.

social experiment by Livio Acerbo #greengroundit #live https://www.wired.com/story/artificial-intelligence-gods-behind-masks/