Occhi verso il cielo: dopo secoli torna la Cometa di Neanderthal

Ci mettiamo in viaggio per andare alla scoperta delle numerose meraviglie che appartengono al mondo che abitiamo, spesso dimenticandoci che lo show naturale più bello e affascinante di sempre si trova proprio lì, sopra le nostre teste.

Da secoli, infatti, il cielo è il palcoscenico di uno spettacolo senza eguali, quello che vede la Luna, le stelle e i pianeti come assoluti protagonisti, compagni di un viaggio ideale che possiamo vivere ogni sera dopo il crepuscolo.

Quest’anno, poi, c’è un fitto calendario di eventi imperdibili che si alterneranno proprio sopra le nostre teste. Il prossimo prevede l’arrivo della Cometa di Neanderthal, un grande ritorno atteso da migliaia di anni. Sedetevi comodi e aguzzate la vista: lo spettacolo sta per iniziare.

Occhi puntati verso il cielo: lo spettacolo sta per iniziare

Stelle luminose e sciami meteorici, danze dei pianeti e notti oscure illuminate dalla grande Luna: questo 2023 si preannuncia favoloso per tutti gli appassionati di astronomia e per coloro che da sempre subiscono il fascino del cielo stellato. Gli eventi imperdibili, come abbiamo anticipato, sono tantissimi, motivo per il quale consigliamo di organizzare viaggi verso le destinazioni prive di inquinamento luminoso per garantirsi una visione strategica e nitida sui grandi spettacoli che si susseguiranno nel cielo.

Tra gli appuntamenti più attesi dell’anno c’è il grande ritorno di una cometa, non una qualsiasi ma quella di Neanderthal, che manca dal nostro cielo da migliaia di anni. È il suo nome a suggerirci che l’ultimo avvistamento risale proprio a quando sulla terra viveva l’uomo di Neanderthal.

Sono passati 52000 anni, da quel momento, e proprio in questi giorni la cometa è tornata a mostrarsi nel nostro cielo. Gli esperti preannunciano già notti indimenticabili, illuminati proprio dalla sua scia e dai suoi colori. Ecco quando e come avvistarla.

Cometa di Neanderthal: quando e come ammirarla

Il suo nome ufficiale è C/2022 E3, ma tutti la conosciamo come cometa di Neanderthal. Gli esperti stanno seguendo la sua scia, caratterizzata da sfumature verdi e scintillanti, già dallo scorso marzo. Ma ora che la luminosità del corpo celeste è aumentata, potremmo ammirare anche noi questo spettacolo, anche a occhio nudo.

Il primo appuntamento da segnare in agenda è quello del 12 gennaio, giorno in cui la cometa si troverà nel punto più vicino al sole. Il 1° febbraio, invece, si troverà a 42 milioni di chilometri dalla Terra, raggiungendo il punto più vicino a noi. Se la distanza vi sembra tantissima, non vi sbagliate, ma questo avvicinamento ci permetterà di ammirare la cometa di Neanderthal nel suo massimo splendore.

Gli esperti dell’Unione Astrofili Italiani (Uai), annunciano che la cometa sarà visibile a occhio nudo a partire dal 24 gennaio, sempre se le condizioni meteo lo permettono. Il consiglio è quello di raggiungere luoghi bui e privi di inquinamento luminoso per avere una visuale più nitida.

Cosa aspettarci dall’osservazione ce lo mostra la Nasa, con la meravigliosa fotografia scattata da Dan Bartlett durante il passaggio della cometa nella costellazione settentrionale della Corona Boreale. Tuttavia, per ammirare nel dettaglio la coda della cometa, e quelle luci scintillanti che sfumano verso il verde, sarà necessario munirsi della giusta attrezzatura, come binocoli e cannocchiali.

In alternativa, potrete ammirare lo spettacolo comodamente seduti da casa, grazie al Virtual Telescope Project, che trasmetterà in diretta streaming le immagini della Cometa di Neanderthal.