Vuoi festeggiare di nuovo il Capodanno? In questa città puoi farlo

Ci siamo appena lasciati alle spalle il periodo più magico dell’anno, quello caratterizzato da atmosfere incantate che hanno trasformato le strade, le piazze e i quartieri della città in cartoline di immensa bellezza, ed è inutile negare che la nostalgia ha già fatto capolino nella nostra quotidianità.

Natale, Capodanno ed Epifania, che tutte le feste porta via, quest’anno sono stati più straordinarie che mai. Complice il ritorno alla normalità dopo due anni di fermo e restrizioni a causa dell’emergenza sanitaria.

Eppure c’è chi nonostante questa incetta di celebrazioni, ha ancora voglia di fare festa. Ed è proprio a tutte queste persone che ci rivolgiamo oggi per dire che non c’è bisogno di aspettare altri 12 mesi per abbigliarsi nuovamente di pailettes e lustrini, perché esiste una città in Europa che permette di festeggiare di nuovo il Capodanno.

Benvenuti a Bérchules

Il nostro viaggio di oggi ci conduce a Bérchules, un comune spagnolo di appena 700 abitanti, situato in Andalusia. Ci troviamo lontano dai sentieri più battuti dal turismo di massa, quelli che ci conducono nei luoghi iconici e caratteristici di un Paese che non smette mai di stupire. Eppure è proprio qui che si verifica, ogni anno, una sorta di magia alla quale tutti sono invitati a prendere parte.

Immersa nel cuore del Parco Naturale della Sierra Nevada, in provincia di Granada, Bérchules è diventata famosa per una peculiarità che oggi la rende la meta ideale di tutti gli amanti del periodo delle feste. È proprio qui, infatti, che il Capodanno viene festeggiato due volte. Una il 31 dicembre, come da tradizione, e l’altra durante la prima settimana d’agosto.

Questa celebrazione attira ogni anno migliaia di viaggiatori provenienti da ogni parte del mondo, che giungono in questa piccola cittadina di Granada per festeggiare in maniera originale e bizzarra un nuovo inizio, prendendo parte a eventi, concerti e manifestazioni da vivere e condividere.

Fonte: Getty ImagesCapodanno a Bérchules

Lo strano caso della città che celebra il Capodanno ad agosto

Bérchules, come abbiamo anticipato, non appartiene alla mappa degli itinerari più seguiti dai viaggiatori di tutto il mondo, eppure tutti si riuniscono qui ad agosto per prendere parte a uno degli eventi più originali della Spagna e del mondo intero e che permette alle persone di celebrare, di nuovo il Capodanno.

Questa tradizione particolare, di celebrare il nuovo anno nel bel mezzo dell’estate, è nata nel 1994 quando, a causa di un blackout che colpì la città proprio durante la notte di San Silvestro, i cittadini non potettero celebrare la Nochevieja (Notte di Capodanno) come ogni anno. Nessuno si diede per vinto, però, e anzi iniziarono le preparazioni di quella che sarebbe diventata una nuova e straordinaria tradizione.

I festeggiamenti di Capodanno, infatti, furono spostati alla prima settimana di agosto. L’evento ebbe un impatto così grande che i cittadini scelsero di replicare la festa, trasformandola in un vero e proprio appuntamento imperdibile che ancora oggi attira migliaia di viaggiatori da ogni parte del mondo.

Sotto il sole cocente, e avvolte da temperature caldissime, le persone si riuniscono tra le strade e le piazze della cittadina per festeggiare il nuovo anno. Non mancano riti e tradizioni, come quella di mangiare i 12 chicchi d’uva, così come quella di stappare lo spumante. Ci sono anche le sfilate e le processioni, i presepi e gli alberi di Natale.

Se avete quindi voglia di festeggiare di nuovo il Capodanno, in una notte qualsiasi di mezza estate, la destinazione giusta da raggiungere è Bérchule. Non ci resta che augurarvi, di nuovo, uno splendido inizio anno!

Fonte: Getty ImagesCapodanno a Bérchules