L’incredibile sito storico di cui nessuno ha mai sentito parlare

Oggi abbiamo deciso di portarvi in un luogo che 4.500 anni fa era una delle prime città del mondo e anche una fiorente metropoli dotata di infrastrutture particolarmente avanzate per l’epoca. Vi basti pensare che si ritiene che fosse abitata da almeno 40.000 persone.

Mohenjo-daro, un preziosissimo sito archeologico

Il posto in questione si chiama Mohenjo-daro e fu una città che prosperò dal 2500 al 1700 a.C.. Si trova in Pakistan e, nel 1700 a.C., fu abbandonata ma, ancora oggi, nessuno sa esattamente perché e nemmeno dove andarono tutte le anime che la abitarono.

Mohenjo-daro fu scoperta solo nel 1911 da degli archeologi che sentirono parlare di alcuni lavori in muratura nella zona. Nonostante questo, l’Archaeological Survey of India (ASI) ritenne che tali resti fossero privi di qualsiasi tipo di storia e, per questo motivo, il sito finì nuovamente nel dimenticatoio.

Ma fino al 1922, anno in cui RD Banerji, un ufficiale dell’ASI, pensò di aver visto uno stupa sepolto, una struttura dove i buddisti vanno tipicamente a meditare. Fu così che presero vita degli scavi su larga scala che nel corso del tempo portarono Mohenjo-daro a diventare un sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO, nell’ormai lontano 1980.

Ma non c’è da sorprendersi: tutto ciò che è emerso dagli scavi ha rivelato un livello di urbanizzazione mai visto prima nella storia. Non a caso l’UNESCO elogia ancora oggi Mohenjo-daro come la rovina “meglio conservata” della Valle dell’Indo.

Dagli inizi dei lavori ai nostri tempi, sono stati recuperati ben oltre 700 pozzi e un sistema di bagni privati, tra cui un “Grande Bagno” di 12m x 7m ad uso comune. Ma a sorprendere maggiormente è che i servizi igienici sono stati rinvenuti in molte residenze private e che i rifiuti venivano smaltiti segretamente attraverso un sofisticato sistema fognario cittadino.

Grazie agli scavi, inoltre, quel che si è compreso sui suoi abitanti è che avevano capito perfettamente dove era situata la città: trovandosi appena ad ovest del fiume Indo, costruirono imponenti piattaforme di difesa dalle inondazioni e diversi sistemi di drenaggio. Per secoli, tra le altre cose, queste persone furono creatrici di ceramiche, gioielli, statuette e altri oggetti finemente intagliati che sono finiti ovunque, dalla Mesopotamia all’attuale Oman. Ma che fine hanno fatto questi abitanti? E perché Mohenjo-daro è stata abbandonata?

Fonte: 123rfAngoli di Mohenjo-daro

I misteri di Mohenjo-daro

La scoperta delle rovine della antichissima città di Mohenjo-daro ha portato alla ribalta un mistero che fa ancora discutere esperti ed appassionati. Stando a quello che si è appreso fino a ora – ma in alcuni casi sono teorie fuori dal comune – da queste parti sembrerebbe essersi verificata una specie di esplosione nucleare. Ma come è possibile un evento simile alcuni millenni prima di Cristo?

Fino a prima di questo importante ritrovamento, si pensava che la civiltà indiana fosse nata intorno al 1250 a.C. nella Valle del Gange. Tuttavia, quando le antiche rovine riemersero gli archeologi dovettero retrodatare la civiltà indiana di ben 1.500 anni, fino al 3mila a.C.

A scatenare ancor più misteri è il nome stesso, ossia Mohenjo-daro: tradotto è “monte dei morti”. Ma non solo. Essa, infatti, raggiungeva un così alto livello organizzativo e tecnologico che superava persino quello degli antichi egizi.

Inoltre, a differenza di siti simili in Egitto e in Mesopotamia, qui non sono state trovate grandi strutture di autorità governative. Gli edifici più significativi, infatti, sembrerebbero sale riunioni, bagni pubblici, mercati e condomini.

Senza ombra di dubbio, il suo segreto più grande riguarda la fine della città e della sua cultura. Per certi versi la sua scomparsa rappresenta un mistero, alimentato dal fatto che nella città sono state trovate tracce molto marcate di radioattività. Inoltre, sono emersi anche 44 scheletri che testimonierebbero una morte violenta e improvvisa, oltre a conservare, anch’essi, alti tassi di radioattività.

Gli esperti, tra le altre cose, hanno rilevato degli oggetti che risultavano vetrificati, così come rocce che parevano essersi dissolte a temperature di circa 1500 gradi. A Mohenjo-daro, inoltre, non sono riportati alla luce corpi martoriati, ma anzi scheletri di uomini, donne e bambini distesi al suolo, in una posizione che fa presumere una morte improvvisa. Per intenderci, un po’ come accadde nella nostra Pompei.

Fonte: 123rfLe mura di Mohenjo-daro

Ma non è finita qui, perché recenti analisi avrebbero dimostrato che la maggior parte di questi resti umani presentavano tracce di carbonizzazione e calcinazione, come accade a qualsiasi corpo dopo l’esposizione a un’intensa fonte di calore. Poi ancora diversi oggetti che mostravano i tipici fenomeni di vetrificazione, gli stessi che capitano a seguito di un evento come può essere quello nucleare.

Secondo alcuni, tutto questo è dovuto al prosciugamento del Sarawati, un fiume, e ad alcuni drastici cambiamenti climatici dell’epoca. Anche perché diversi edifici in mattoni di fango sono rimasti intatti, e per questo non si può pensare a un’esplosione nucleare o simile.

L’opinione di altri ricercatori, invece, è che la vicenda di questa città potrebbe fare riferimento ai racconti del Mahābhārata e del Rāmāyaṇa – testi sacri dell’Induismo – che narrano di intere zone distrutte a causa di armi da cui scaturivano potentissime energie, e di macchine volanti (i Vimana) guidate da esseri indefiniti.

Quel che è certo, è che non c’è ancora chiarezza sulla storia e sulla fine di Mohenjo-daro e che, allo stesso tempo, negli antichi testi indiani esistono riferimenti a guerre effettuate con l’utilizzo di armi divine così tanto potenti da essere in grado di radere al suolo intere città.

Insomma, teorie particolari a parte, Mohenjo-daro deve ancora essere profondamente studiata.

Mohenjo-daro oggi

Oggigiorno Mohenjo-daro è stata trasformata in un vero e proprio parco archeologico completo di tavoli da picnic e giardini ombrosi e lussureggianti. Nonostante questo, però, i turisti in visita in Pakistan raramente si addentrano in questa località remota. Eppure, le capacità di coloro che l’abitavano di padroneggiare l’arte dell’igiene e dello smaltimento delle acque reflue erano davvero uniche nel loro genere, senza considerare il fatto che furono utilizzati materiali da costruzione standardizzati, nonostante la carenza di macchine.

Quello che potrete visitare è la sua città alta circondata da mura che ospitava i templi, le piscine sacre per i riti di purificazione, il palazzo del re, le case dei nobili e i granai; così come la città bassa, quella che era abitata dal popolo.

Vi è, inoltre, il Mohenjo-daro Museum, un piccolo edificio situato in un’area erbosa dove poter ammirare centinaia di sigilli decorativi, statuette, gioielli, strumenti, giocattoli e pezzi di ceramica straordinariamente ben conservati.

Sfortunatamente, però, come tanti anni fa fu quasi sicuramente evacuata a causa di fenomeni atmosferici, anche oggi la città è di nuovo in pericolo per colpa delle devastanti inondazioni che hanno colpito il Pakistan nell’agosto 2022.

È diventato particolarmente necessario, quindi, intervenire al fine di proteggere questo importantissimo patrimonio storico, un sito che deve ancora lasciarsi del tutto scoprire.

Fonte: 123rfUno scorcio di Mohenjo-daro