Da questo binocolo sospeso puoi ammirare un panorama da sogno

La voglia di scoperta che accompagna i viaggi che compiamo nella vita è spesso nutrita dall’esigenza di vivere esperienze uniche e straordinarie. E poco importa se le destinazioni scelte sono lontanissime o più vicine a noi, perché quello che conta davvero sono le emozioni che proviamo tutte le volte che tocchiamo con mano la grande bellezza che appartiene al mondo che abitiamo.

Una bellezza, questa, che non per forza dobbiamo inseguire fino all’altro capo del mondo, perché spesso si palesa così, all’improvviso, anche quando meno ce lo aspettiamo. Può succedere durante una passeggiata a ritmo lento oppure in occasione di una sosta panoramica che permette di ammirare le meraviglie che appartengono al pianeta.

Ed è proprio questo che succede quando si raggiunge il Binocolo di Matteo Thun, una passerella sospesa sulla Valle dell’Adige dalla quale è possibile contemplare un panorama da sogno incorniciato da rocche, castelli e montagne.

Bentornati nei Giardini di Castel Trauttmansdorff

Per raggiungere quello che è, con tutta probabilità, uno dei binocoli più spettacoli del mondo intero e ammirare dall’alto un panorama affascinante e suggestivo, dobbiamo recarci in un luogo altrettanto straordinario che tutti conosciamo bene. Stiamo parlando dei Giardini di Castel Trauttmansdorff che, siamo certi, non hanno bisogno di presentazioni.

Situati a Merano, e suddivisi in aree tematiche, questi giardini si snodano intorno all’iconico castello per oltre 12 ettari, con un dislivello di 100 metri, assumendo la forma di un anfiteatro naturale. L’area che circonda Castel Trauttmansdorff, un tempo residenza invernale dell’Imperatrice Sissi, ospita uno dei giardini botanici più variegati e incredibili del nostro Paese. La sua posizione strategica, inoltre, permette ai visitatori di godere di scorci panoramici unici che si aprono passo dopo passo e che si perdono sulle montagne circostanti e sulla città di Merano.

I punti di osservazione, all’interno dei Giardini di Castel Trauttmansdorff sono tantissimi, ma ce n’è uno che, più di altri, è destinato a lasciare senza fiato chiunque osi addentrarsi nella zona più selvaggia del giardino.

Percorrendo la Passeggiata di Sissi, quella che attraversa anche il Bosco di Roverelle, è possibile raggiungere una passerella che affaccia direttamente sulla valle che sovrasta. Si tratta del Binocolo di Matteo Thun, uno spettacolare punto panoramico sospeso tra cielo e terra dal quale è possibile ammirare uno dei paesaggi più suggestivi del BelPaese.

Fonte: iStock/AlizadaStudiosIl Binocolo di Matteo Thun

ll Binocolo di Matteo Thun

Inaugurato nel 2005, e progettato dell’architetto altoatesino Matteo Thun, il Binocolo è situato sul punto più alto dei giardini, lì dove è possibile accedere a una vista privilegiata sulle vette del gruppo Tessa, sulla valle caratterizzata da frutteti e vigneti e sulla città di Merano.

L’opera architettonica, che è visibile da diverse aree dei Giardini di Castel Trauttmansdorff, affascina e incuriosisce i visitatori. La passerella, infatti, esce dalle fronde degli alberi che popolano il Bosco di Roverelle, poi si allunga verso il vuoto, come se volesse spiccare il volo, ospitando alla sulla sommità un binocolo tridimensionale che incornicia tutto il panorama circostante.

L’esperienza è da brividi, e per attraversare tutta la passerella è richiesto un po’ di coraggio. Ma possiamo assicurarvi che una volta raggiunto il binocolo si aprirà davanti ai vostri occhi uno spettacolo incredibile. Fermatevi tutto il tempo che volete: da qui la vista è magica.

Fonte: iStock/AlizadaStudiosIl Binocolo di Matteo Thun, Giardini di Castel Trauttmansdorff