A Singapore tutto cambia tranne e la sua icona

La chiamano The Lion City, “la città del leone”, ma non è corretto. Il simbolo di Singapore, la città-Stato più incredibile del Sud-Est asiatico, è il Merlion, un essere con la testa da leone e il corpo da pesce. Il nome, in realtà, è la crasi delle parole “mermaid” (“sirena”) e “lion” (“leone”). Ma poiché questo termine non ha una traduzione in nessun’altra lingua l’errore persiste.

Il corpo da pesce rappresenta le origini di Singapore come villaggio di pescatori, quando ancora veniva chiamata “isola di Temasek” (“città del mare”). La testa di leone rappresenta, invece, il nome originale di Singapore, Regno di Singapura che, in sanscrito, significa davvero “città del leone”.

Vi raccontiamo tutto ciò perché, da cinquant’anni – il 15 settembre 2022 è stato il suo anniversario -, il Merlion, con il suo lungo getto d’acqua che finisce dritto nel Singapore River, domina la marina e saluta tutte le imbarcazioni e i turisti che approdano sull’isola.

La trasformazione di Marina Bay

Una marina che nel, frattempo, è stata completamente stravolta. Il Merlion è sempre lui e non è mai cambiato, ma tutt’intorno la città è un’altra rispetto a cinquant’anni fa.

Fonte: iStockMarina Bay, il waterfront di Singapore

Fino al 1800, il waterfront – oggi Marina Bay – di Singapore era l’unico punto d’approdo per i visitatori e gli immigrati in cerca di fortuna. Dopo l’indipendenza dalla Malesia, ottenuta solo nel 1965, la Repubblica di Singapore ha avuto una crescita incredibile, soprattutto come centro finanziario, che si è riflessa anche nell’architettura cittadina, con nuovi e numerosi edifici, sempre più alti, belli e innovativi, che sono spuntati come funghi.

Per realizzare la splendida Marina Bay che conosciamo oggi, negli Anni ’70 fu rubata terra al mare e nel giro di una decina d’anni sorsero edifici, centri commerciali e hotel, cambiando così del tutto lo skyline di questa zona portuale.

Nel corso degli anni successivi sono arrivati la Singapore Flyer, la ruota panoramica che è stata per qualche anno la più alta del mondo, l’Esplanade Bridge e l’iconico ponte pedonale The Helix, il famoso Marina Bay Sands, l’hotel con tre torri unite da un’unica piscina panoramica, e i giardini di Gardens by the Bay con i loro inconfondibili “supertree”. Tra le ultime opere realizzate c’è il Jubilee Bridge, nato con l’intento di consentire ai turisti di ammirare al meglio il Merlion in tutte le sue angolazioni e scattarsi dei selfie.

Fonte: iStockI “supertree” di Gardens by the Bay

Il cuore della finanza è divenuto così il luogo più frequentato dai visitatori – specie di notte, quando s’accendono milioni di luci – ai quali non basta un giorno per visitare tutto ciò che c’è da vedere ed epicentro di tutti gli eventi più importanti, primo fra tutti il Gran Premio di Formula Uno che si tiene dal 2008 interamente in notturna. In attesa che il quartiere si espanda verso il nuovo Marina South.

Il 50° anniversario del Merlion

In occasione del 50° anniversario di “Merli”, fino al 2 ottobre, al calar della sera la statua sarà illuminata in modo speciale per permettere a tutti i visitatori di scattare una foto perfetta con il festeggiato.

Per celebrare questo anniversario, in città sono previste oltre 20 esperienze ed eventi che avranno luogo in diversi punti di Singapore. A partire dalla caccia agli altri Merlion. Sì, perché dietro la statua c’è anche un baby Merlion. L’originale è alto 8,6 metri, mentre il “cucciolo” solo due. Entrambi, però, sono fatti di cemento e sono intarsiati con piatti di porcellana. Solo gli occhi del Merlion ufficiale, però, sono fatti con due tazze da tè rosse.

Fonte: 123rfUna spiaggia di Sentosa Island a Singapore

Ma in tutta l’isola ce ne sono altri, uno si trova su Sentosa Island, l’isolotto dedito all’ospitalità e al divertimento dove sono i resort più esotici e i parchi a tema.

La National Gallery ospita una mostra intitolata “Nothing is Forever: Rethinking Sculpture in Singapore”, sulla storia della scultura degli artisti singaporiani e molti bar e ristoranti hanno ideato piatti e cocktail dedicati all’icona nazionale. Per non parlare poi della quantità infinita di gadget. Ci sarà da divertirsi.