Una sensazionale scoperta in Italia riscrive la storia

A pochi chilometri dalla costa tirrenica, c’è un luogo che, a distanza di secoli, continua a stupire. Siamo a Vulci, nel Comune di Montalto di Castro, in provincia di Viterbo, sede di scavi archeologici di un’antica città etrusca.

Là dove il lavoro degli archeologi non s’interrompe mai le soddisfazioni sono tante. Alcune a dir poco eccezionali.

Ed è proprio l’ultima avvenuta in queste ore a esserlo in particolare. Durante i recenti scavi è infatti emersa una grandissima scoperta.

“Siamo seduti su una miniera d’oro”, aveva dichiarato Carlo Casi, direttore del parco di Vulci, in occasione di una recente scoperta. “Qui sotto c’è una città che esisteva sei-sette secoli prima di Roma, ci sono centinaia di ettari di necropoli, quasi tutti inesplorati”.

Ma non si tratta di una tomba quella che è appena stata scoperta, bensì di qualcosa ancora più importante: di un tempio.

Il Tempio di Minerva

Durante i recenti scavi è venuto alla luce un vero e proprio tempio dedicato a Minerva, risalente al VI secolo a.C., identificata come dea della saggezza per gli Etruschi e poi i Romani.

La prima sensazione di aver rinvenuto qualcosa di eccezionale lo aveva avuto il team che stava effettuando gli scavi dopo aver esplorato una zona del parco di Vulci con l’impiego di un georadar, una sorta di “occhio” in grado di andare in profondità. Tramite questo strumento erano infatti riusciti a individuare delle strutture murarie molto grandi, di circa 43 metri per lato.

Gli scavi che ne sono seguiti hanno di fatto confermato la presenza di un tempio monumentale finora sconosciuto, e il ritrovamento è eccezionale. Finora, l’edificio più grande rinvenuto a Vulci è stato il Tempio grande, che misura 36,4 X 24,6 metri.

A confermare che il tempio sia dedicato al culto di Minerva è lo stesso Casi che, in occasione di precedenti scavi, aveva individuato un’iscrizione che non lasciava dubbi: “Mener(vas)”.

Inoltre, già si fanno ipotesi sulla struttura del tempio che sarà prestro liberato dalla terra e che ancora si sta scavando: il tempio sarebbe stato completamente circondato da colonne, quattro sui lati corti e sei su quelli lunghi. Non ci resta che attendere la fine del meticoloso lavoro degli archeologi del parco di Vulci.