C’era una volta una miniera: ora è una riserva della biosfera Unesco

Il mondo che abitiamo non smette mai di stupirci perché è pieno di meraviglie da scoprire e da esplorare, le stesse che ci lasciano senza fiato e ci conducono dall’altra parte del globo.

Alcune di queste portano l’orgogliosa firma di Madre natura, lei complice e fautrice di una grande bellezza che incanta e stordisce i sensi. Altre sono opere pensate e realizzate dall’uomo che raccontano e rappresentano città e Paesi interi. Altre ancora sono la rappresentazione perfetta della convivenza tra le prime e le seconde, e sono meravigliose.

Opere, attrazioni e luoghi iconici che raccontano storie che non si possono dimenticare perché fanno parte dell’umanità, del passato, del presente e del futuro. Come Minett, una miniera a cielo aperto da scoprire subito che è diventata una Riserva della biosfera riconosciuta dall’Unesco.

Benvenuti a Minett

Per scoprire questo luogo ricco di contraddizioni e meraviglie dobbiamo spostarci a Lussemburgo, nel sud del Paese. È qui che esiste una regione che conserva un passato industriale che vive nella memoria storica dei cittadini e in tutte quelle testimonianze che fanno capolino tra le strade e i villaggi dell’intero territorio.

È sempre qui, però, che la natura è stata lasciata libera di prosperare in maniera grandiosa, trasformandosi nella cornice perfetta di una scenografia che racconta il passato e il presente di un’intera regione.

A Minett, infatti, è stata riconosciuta ufficialmente la prima Riserva della Biosfera dall’Unesco del Paese, una qualifica che ha come obiettivo quella di conservare e proteggere l’ambiente in questione. Oggi si presenta come un parco che si snoda per oltre 200 chilometri al centro del quale si apre un sentiero di 80 chilometri che è diventato meta prediletta di escursionisti e ciclisti. Il percorso, che confina con la Francia, prende il nome di red Rock Trail, in riferimento al colore rosso che caratterizza tutta la zona.

La regione di Minett, infatti, è conosciuta anche come Terra Rossa per il minerale di ferro che veniva estratto da tutte le miniere che si snodavano un tempo sul territorio. Ed erano così tante al punto tale da caratterizzare interamente la regione diventata un punto di riferimento dell’industria mineraria.

Quel passato, però, si è trasformato in qualcosa di ancora più straordinario, una Riserva della Biosfera Unesco che oggi è diventata la testimonianza della convivenza tra l’uomo e la natura, tra il passato e il futuro.

Fonte: Wikimedia/enutzer:PecaluxStazione di Fond de Gras

Cosa fare e cosa vedere a Minett

Un viaggio a Minett può trasformarsi in un’esperienza incredibile per gli amanti della natura e della storia. Da una parte, infatti, è possibile percorrere altopiani soleggiati, vallate e boschi rigogliosi per entrare in contatto con la natura più autentica, dall’altra, invece, è possibile ammirare le miniere storiche e l’antica urbanizzazione che oggi sono inserite in un contesto inedito e straordinario.

I pozzi minerari e i tunnel che hanno modellato il passaggio oggi sono diventati le testimonianze di un passato industriale fatto di migrazioni e lavoro che hanno lasciato spazio alla biodiversità che appartiene al territorio. Come abbiamo anticipato, nella riserva di Minett la natura è assoluta protagonista, ma si affianca alla storia dell’intero territorio.

Quando le miniere sono state chiuse, infatti, l’intera area è stata trasformata in una riserva naturale che nel 2020 è stata riconosciuta dall’Unesco.

Una delle tappe imperdibili di questo itinerario è il Minett Park Fond-de-Gras, un vero e proprio museo a cielo aperto dove è possibile fare un viaggio nel tempo per conoscere e immaginare il passato. Qui è possibile esplorare l’antica miniera di Giele Botter e il villaggio di Lesauvage dove vivevano i minatori con le loro famiglie. Questi luoghi si possono raggiungere a piedi, attraversando i sentieri naturalistici, oppure con un treno a vapore per rendere l’esperienza ancora più straordinaria.

Fonte: Wikimedia/Noben kMinett Park Fond-de-Gras