Viaggio straordinario sulle orme dei Beatles

Poche sono le band che con la loro musica sono riuscite a segnare la cultura e il pensiero di un’epoca storica. Tra queste ci sono i Beatles. Il quartetto ha portato una rivoluzione pacifica e un modo di pensare nuovo, incidendo su intere generazioni. Molti fan li omaggiano con tour ed itinerari che ripercorrono le tappe cruciali della loro carriera, ovviamente passando per Liverpool.

La Liverpool dei Beatles

Liverpool è una città portuale del nord dell’Inghilterra sono nati e cresciuti i Fab 4. Da qui hanno conquistato il mondo con la loro musica. Ripercorrere le orme dei Beatles è un’esperienza unica che consente di guardare con occhi diversi questa città.

Già al suo arrivo, ogni turista passa per una tappa legata ai quattro e soprattutto con Lennon: l’aeroporto internazionale è intitolato al cantante dal 2002. Qui sono custodite foto del cantante e di Yoko Ono, oltre ad abiti dell’artista risalenti al periodo Beatles. Inoltre, nel piazzale antistante l’edificio si trova un enorme sottomarino giallo, in onore della canzone “Yellow Submarine”.

Un tour a tema Beatles

Una volta giunti a Liverpool è possibile scegliere tra tour guidati oppure munirsi di mappa e iniziare ad esplorare i luoghi di culto che hanno fatto parte della vita dei quattro musicisti.

Tra le mete fondamentali della Liverpool dei Beatles ci sono i luoghi dove sono cresciuti John, Paul, George e Ringo. Ad Ardvick Road (Speke) si trova la casa in cui Paul McCartney ha abitato a partire dalla fine degli anni ’40. Viveva qui quando nel 1954, sull’autobus che lo portava a scuola, incontrò George Harrison.

Il chitarrista invece abitava con la famiglia in Upton Green. Ed è proprio in questa casa che si riunivano spesso i Quarrymen, la formazione in cui militavano John, Paul e George.

L’incontro tra Paul e John

L’evento cruciale che consentì ai Beatles di nascere fu l’incontro tra Paul McCartney e John Lennon. I due si conobbero nell’oratorio della St. Peter Church a Church Road, Woolton. Era il 6 luglio del 1957.

L’incontro avvenne in occasione di un’esibizione dei Quarrymen alla St. Peter’s Rose Queen Celebrations & Gardens Fete nel giardino nella chiesa. Su una parete esterna della sala parrocchiale è stata esposta una targa commemorativa in memoria di quella giornata destinata a cambiare la storia del rock.

Sulle tracce di John Lennon

Un’altra tappa fondamentale della Liverpool dei Beatles è Mendips, dove John Lennon ha trascorso l’infanzia e l’adolescenza. Al 251 di Menlove Avenue si trova casa dalla zia Mimi e dallo zio George Toogood Smith, in cui Lennon si trasferì nel 1945. Ed è qui che scoprì la sua passione per la musica.

Fonte: iStockIl parco che ispirò la canzone dei Beatles

Proseguiamo con il tour

Da vedere assolutamente è il parco “Strawberry Field” in Beaconsfield Road. Si tratta di di un giardino di una casa per l’infanzia, che si trovava vicino al Woolton Village. Questo è il luogo che ha ispirato il brano “Strawberry Field Forever”. Anche Penny Lane è una tappa essenziale nella Liverpool dei Beatles. La strada si trova in una zona residenziale, che termina a un incrocio con Smithdown Place, dove si trovano il barbiere e la banca della nota canzone.

Come non citare il Cavern Club, il locale che ha dato il via alla carriera del gruppo, ospitando all’incirca 250 concerti dei Fab 4 in 30 mesi. Il locale originale è stato demolito del 1973 per consentire i lavori di costruzione della metropolitana ma nel 1984 venne realizzato un nuovo “Cavern”, ricostruito sul modello originale.

Proprio qui a Liverpool si trova anche il più grande museo dedicato ai Beatles, dove conoscere e approfondire ogni aspetto della carriera del quartetto.

Fonte: iStockThe Cavern Club di Liverpool

Alloggiare da George Harrison

Se vi state chiedendo dove alloggiare una volta arrivati a Liverpool, la risposta è semplice. Su Airbnb è possibile prenotare la ex casa di George Harrison. Al 25 di Upton Green potrete dormire nella camera da letto di George, dove ha sentito per la prima volta se stesso e la band alla radio. Un luogo davvero speciale.

Zaino in spalla, la Liverpool dei Beatles va esplorata osservando le abitudini della gente del posto, respirando l’atmosfera, lasciandosi trasportare.