Covid, in Liguria nuovi casi sotto quota mille. Calano anche i ricoveri. In Italia il tasso di …

Genova – Continua il progressivo calo di positivi al covid in Liguria e di ricoverati a causa del virus. I positivi sono 13.587, 163 in meno rispetto a ieri.

Gli ospedalizzati sono diminuiti di 17 unità e ora sono 238 di cui 11 in terapia intensiva.

Non ci sono stati decessi. Il numero dei morti da inizio pandemia è 5.299.

I nuovi casi sono 987 emersi da 7.335 tamponi (2.111 molecolari e 5.224 test antigenici). Il tasso di positività è del 13,45% (a livello nazionale è al 14,6%). I nuovi positivi sono 431 nell’area di Genova, 173 nello spezzino, 146 nel savonese, 137 nell’imperiese, 96 nel Tigullio, 4 non sono residenti in regione. I guariti sono 1150.

In isolamento domiciliare ci sono 12878 persone, 48 in meno rispetto al giorno precedente.

Nelle ultime 24 ore sono stati somministrati 951 vaccini.

La situazione in Italia

Calano ancora da 42.249 a 39.317 i contagi registrati oggi in Italia, mentre i morti sono 130, quindici in più di ieri. Il tasso di positività scende di tre decimali al 14,6% mentre 4 letti si liberano nelle terapie intensive e 254 nei reparti di medicina.

In Veneto sono stati registrati 3.932 nuovi casi di Covid-19 nelle ultime 24 ore, che portano il totale a 1.716.332. Il bollettino regionale segnala 19 vittime. Scende il numero attuale dei pazienti positivi, che sono 53.295, 1.673 in meno di ieri. Negli ospedale tuttavia crescono i ricoveri in area medica, che sono 808 (+20), e calano di poco (-2) quelli in terapia intensiva, che sono 41.

Contagi stabili nel Lazio, dove oggi se ne contano 3829, appena 30 meno di ieri. Sono invece 7 i decessi, due in meno di 24 ore fa, mentre calano i ricoverati nei reparti di medicina (-43) ma aumentano leggermente quelli delle terapie intensive (+3).

I nuovi casi positivi al Covid nelle ultime 24 ore in Toscana sono 2.357 su 15.383 test di cui 2.612 tamponi molecolari e 12.771 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 15,32%. Rispetto a ieri i casi sono 8 di meno a fronte di un numero inferiore di test, con un tasso in rialzo: nel precedente report registrati 2.365 contagi su 15.924 tamponi con un’incidenza di nuovi positivi del 14,85% (68,7% sulle prime diagnosi).

Sono 2.880 i nuovi casi di positività al Covid 19 registrati nelle ultime ore in Puglia a fronte di 17.976 tamponi. Il tasso di positività si attesta al 16% (rispetto al 14% di ieri). Nove i decessi (ieri 8).
Sono 1.212, ma con un numero di tamponi (6.525) nettamente inferiore alle settimane scorse, i contagi da Covid 19 registrati in Calabria nelle ultime 24 ore. Il tasso di positività scende dal 19,4% al 18,57. Nello stesso arco temporale è stato registrato un decesso.

Scendono i casi di Covid in Italia così come i ricoveri e i decessi ma è netta la riduzione dei tamponi (-23,6%). Il monitoraggio indipendente della Fondazione GIMBE rileva nella settimana 4-10 maggio 2022, rispetto alla precedente, una diminuzione di nuovi casi (286.350 contro 394.945) e dei decessi (842 contro 962). In calo anche i casi attualmente positivi (1.082.972 rispetto a 1.199.960), le persone in isolamento domiciliare (1.074.035 mentre prima erano 1.189.899), i ricoveri con sintomi (da 9.695 a 8.579) e le terapie intensive (da 366 a 358).
«Prosegue la discesa del numero di nuovi casi settimanali (-27,5%) – dichiara Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione GIMBE – che si attestano a quota 286 mila con una media mobile a 7 giorni che sfiora i 41 mila casi giornalieri, a fronte tuttavia di un calo del 23,6% dei tamponi totali». Nella settimana 4-10 maggio in tutte le Regioni si rileva una riduzione percentuale dei nuovi casi: dal -18,6% dell’Emilia-Romagna e della Provincia Autonoma di Bolzano al -32,9% della Puglia. Rispetto alla settimana precedente, in tutte le Province si rileva una riduzione percentuale dei nuovi casi (dal -4,8% di Verbano-Cusio-Ossola a -41,1% di Mantova). L’incidenza supera i 500 casi per 100.000 abitanti in 48 Province, tra cui La Spezia (596).

Liguria, entro l’estate assunti 700 nuovi infermieri

Entro l’estate la Regione Liguria concluderà la selezione in corso per assumere 700 nuovi infermieri a tempo indeterminato nel sistema sanitario pubblico: lo conferma il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti in occasione della presentazione delle iniziative per la Giornata internazionale degli infermieri. Sono 14.624 gli iscritti all’Ordine delle professioni infermieristiche in Liguria, di cui quasi 11 mila attivi nel sistema sanitario regionale.

“La professione dell’infermiere costituisce un cardine del nostro sistema sanitario: lo abbiamo visto durante l’emergenza covid, con il personale infermieristico in prima linea nei nostri ospedali, e lo vedremo anche in futuro con l’attuazione del Pnrr e il potenziamento della risposta territoriale ai bisogni di salute dei cittadini. – sottolinea Toti – La nostra priorità è stata e continua ad essere la valorizzazione della professione: dalla creazione dei reparti a conduzione infermieristica, dal sostegno al master per l’infermiere di famiglia nato a Genova fino ai concorsi per le nuove assunzioni”.

“L’infermiere è un lavoro fondamentale, che si declina anche nel sociale – ricorda l’assessore regionale a Politiche sociali e Formazione Ilaria Cavo – Il Pnrr darà spazio a nuove figure professionali come quella degli infermieri di comunità“.

“Negli ultimi due anni infermieri e infermiere ci hanno dimostrato quanto siano indispensabili e quanto il loro senso di abnegazione sia andato oltre le avversità della pandemia – rimarca il vicesindaco e assessore alla Salute del Comune di Genova – E lo hanno fatto nonostante siano stati tra i primi a farne le spese. Non lasciamoli soli e supportiamoli, sempre e con ogni mezzo a nostra disposizione”.

Livio Andrea Acerbo #greengroundit – fonte