Covid, "scoperti i meccanismi della sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini"

Scoperti i meccanismi patologici nei bambini con Covid-19 che presentano una sindrome infiammatoria multisistemica. Secondo alcuni ricercatori, i principali fattori scatenanti del Covid-19 grave nei bambini sarebbero la coagulazione del sangue e il modo in cui le proteine ​​del sistema immunitario hanno reagito al virus. Lo studio, pubblicato su Nature Communications, è stato condotto dal Murdoch Children’s Research Institute (MCRI) e dall’Università di Melbourne.

“La nostra ricerca è stata la prima a scoprire le vie specifiche della coagulazione del sangue e delle proteine ​​immunitarie che hanno avuto un impatto nei bambini con Covid-19 che hanno sviluppato sintomi gravi” ha affermato Conor McCafferty, ricercatore dell’MCRI e autore dello studio. Per lo studio, sono stati raccolti campioni di sangue da 20 bambini sani presso il Royal Children’s Hospital e campioni di 33 bambini infetti da Sars Cov 2 con sindrome infiammatoria multisistemica o sindrome da distress respiratorio acuto dall’Hôpital Necker-Enfants Malades di Parigi.

Nella sindrome infiammatoria multisistemica diverse parti del corpo possono infiammarsi, compreso il cuore, polmoni, cervello e sindrome da distress respiratorio acuto. “I bambini sono in generale meno suscettibili al Covid-19 e presentano sintomi più lievi, ma non è chiaro cosa abbia causato lo sviluppo di malattie molto gravi in ​​alcuni”, ha affermato McCafferty. La raccolta di campioni per descrivere ulteriormente i meccanismi di queste sindromi e la creazione di collaborazioni mondiali sono state considerate questioni chiave per migliorare il trattamento e i risultati. La ricerca ha rilevato che 85 e 52 proteine ​​erano specifiche rispettivamente della sindrome infiammatoria multisistemica e della sindrome da distress respiratorio acuto. Entrambe le sindromi sono i principali esiti potenziali di Covid-19 grave.

Le scoperte sono state possibili grazie alla proteomica, un approccio sperimentale che ha permesso ai ricercatori di studiare quasi 500 proteine ​​che circolano nel sangue contemporaneamente. Allo studio hanno contribuito anche i ricercatori dell’Australian Proteome Analysis Facility di Sydney. La professoressa dell’MCRI Vera Ignjatovic ha affermato che i risultati hanno fornito una comprensione dei processi alla base del Covid-19 grave nei bambini, il che aiuterebbe nello sviluppo di test diagnostici per l’identificazione precoce dei bambini a rischio, nonché obiettivi terapeutici per migliorare i risultati per quelli con casi gravi. Questo studio apre a nuove prospettive di cura nelle forme gravi di Covid-19 nei bambini.

Lo studio

Paola Perrotta

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un’informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie

Sostieni adesso

Articolo Precedente

Comunicare con civiltà extraterrestri? In uno studio la stima delle possibilità

Livio Andrea Acerbo #greengroundit – fonte

Exit mobile version