Case di super-lusso a Milano, tre dimore da sogno vendute a prezzi stellari (fino a 22 milioni): ecco quali sono

di Elisabetta Andreis

Affare record per Villa Mondadori in via Venti Settembre. L’ex super attico dei Ligresti a Porta Venezia comprato per 8 milioni. Un appartamento di 600 metri quadrati a Brera (dove ha alloggiato anche Ridley Scott) ceduto per 7,5 milioni. Via dei Giardini, una casa venduta a 18 mila euro al metro quadrato

Tre case principesche nel cuore di Milano, forse le più belle che c’erano sul mercato da anni, vendute nel giro di qualche mese per prezzi stellari, da un’unica intermediaria. Villa Mondadori, duemila metri quadrati liberty in zona Venti Settembre, ceduta per 22 milioni. L’attico e superattico tutto di vetro in Porta Venezia dove viveva Salvatore Ligresti — frequentato da politici e capi di Stato —, 750 metri quadrati con 250 di terrazze e vista su tutta la città, per 8 milioni. E ancora un appartamento di 600 metri quadrati con grande giardino privato in via Cavalieri del Santo Sepolcro, nel cuore di Brera dove ha soggiornato Ridley Scott per tutto il periodo delle riprese di House of Gucci, per 7,5 milioni. Numeri da capogiro, cifre incredibili.

Chi sono i compratori

Ma chi compra alloggi così? Spiega Barbara Magro, che ha gestito tutte le operazioni con la sua Luxury Real Estate e attualmente è al lavoro su una intera palazzina in via dei Giardini e superattici ancora in Brera e porta Venezia: «La crisi economica che ha messo a dura prova larghi strati di cittadinanza non ha intaccato il mercato di altissima fascia. Per ogni immobile di super lusso che arriva sul mercato ci sono almeno tre candidati che avanzano offerte – assicura —. La domanda è in crescita ma l’offerta di case di questo tipo resta relativamente scarsa: chi possiede un bene simile non lo cede volentieri».

Il ritorno da Londra e New York

Ad acquistare sono storiche famiglie milanesi o italiani che dopo la pandemia hanno deciso di tornare a vivere temporaneamente a Milano da Londra e New York, continua Magro, e le trattative durano in media un anno: «Sul prezzo, essendoci tanta domanda, si trova presto un accordo ma più lunghe sono le trafile burocratiche». Conferma un altro mediatore, Luca Marotta: anche lui con la sua «Milano immobili di prestigio» ha messo a segno negli ultimi mesi operazioni da capogiro. Un palazzo intero in via Bigli, 3 mila metri quadrati con piscina privata e Spa, è stato comprato da una famiglia italiana dell’alta moda, per 45 milioni. In via dei Giardini un super appartamento di 350 metri quadrati è stato ceduto a 18 mila euro al mq, e ancora un attico in zona corso Monforte è passato di mano per 6 milioni circa. «Stiamo vendendo tutto quello che abbiamo in portafoglio», dice Marotta.

Gli affari post Covid

Durante la pandemia nel comparto del lusso le contrattazioni avevano rallentato ma non si sono mai interrotte e adesso sono riprese con vigore, con il rogito e la firma: «Segno che la fiducia degli investitori più abbienti sulla città di Milano non è venuta meno — conclude Barbara Magro — Anzi, se possibile: è cresciuta».

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Milano e della Lombardia iscriviti gratis alla newsletter di Corriere Milano. Arriva ogni sabato nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Basta
cliccare qui.

3 maggio 2022 (modifica il 3 maggio 2022 | 16:25)

social experiment di Livio Acerbo #greengroundit #corriereit – fonte della notizia qui