Covid a scuola, calano i contagi tra gli studenti lombardi: meno casi alle elementari e medie

Calano – in maniera più decisa rispetto alla settimana precedente – i positivi al Covid tra gli studenti lombardi. A incidere sui dati relativi alla settimana tra l’11 e il 17 aprile sono sicuramente le vacanze di Pasqua, iniziate mercoledì 13, ma in ogni caso, spiegano dalla direzione generale Welfare della Regione, “il trend dei contagi risulta in diminuzione in tutte le fasce d’età”. Il calo maggiore si registra tra gli allievi delle scuole elementari e delle medie, dove si segnala rispettivamente un meno 24,4 e un meno 24 per cento di nuovi casi, ma anche tra gli studenti delle superiori e quelli delle scuole materne la riduzione è superiore al 20 per cento. Diminuiscono più lentamente, invece, i positivi tra i piccoli tra zero a due anni (meno 13,7 per cento).

Le regole per la gestione dei contagi in classe entrate in vigore con la fine dello stato d’emergenza prevedono che restino a casa, con la possibilità di seguire le lezioni attraverso la didattica digitale integrata, solo gli studenti positivi e che al quarto caso registrato in classe tutti (gli allievi a partire dai 6 anni) indossino la mascherina Ffp2. Oggi le classi “in sorveglianza”, sottoposte cioè a questo provvedimento, in Lombardia sono 736, di cui oltre una su tre (288) alla scuola elementare, seguono le superiori con 217, le medie con 148 e gli asili a quota 83. E le proporzioni restano le stesse anche a Milano, dove le classi attenzionate sono 605.

Le nuove norme per la gestione dei contagi, evidentemente, incentivano al massimo la presenza a scuola, tanto che secondo la rilevazione condotta ogni settimana dal ministero dell’Istruzione (a cui tuttavia non sono obbligati a rispondere tutti gli istituti) in Lombardia dall’11 al 16 aprile ha seguito le lezioni a distanza solo lo 0,8 per cento degli studenti. La situazione in miglioramento, tuttavia, non deve spingere a ridurre la prudenza, soprattutto in vista degli esami di terza media e di maturità, dal momento che gli scritti devono svolgersi obbligatoriamente in presenza. Per le scuole superiori, per esempio, gli studenti positivi al Covid il 22 e il 23 giugno, quando si svolgeranno rispettivamente la prima e la seconda prova, potranno svolgerle nella sessione suppletiva del 6 e 7 luglio, ma senza i compagni.

di Livio Andrea Acerbo #greengroundit #coronavirus #covid19 – fonte originale qui