Le luci del sud sono lo spettacolo più bello del cielo australe

Ogni anno, migliaia di viaggiatori provenienti da ogni parte del globo, si spingono ai confini del mondo per assistere a uno degli spettacoli più straordinari di sempre messo in scena dalla natura. L’autunno e la primavera, infatti, danno vita a una vera e propria caccia all’aurora boreale, quel fenomeno che da tempi antichi incanta e meraviglia tutte le persone del mondo.

Ma questo non è l’unico spettacolo di luci che illumina e colora il cielo stellato, perché dall’altra parte del globo si verifica il medesimo show. Forse più timido e più raro ma non per questo meno stupefacente, anzi. Stiamo parlando dell’aurora australe, quella da ammirare, contemplare e venerare nel cielo a sud dell’equatore.

La bellezza di questo spettacolo di Madre Natura avvolge e stordisce, lasciando senza fiato. Ammirare il fenomeno non è semplicissimo, ma neanche impossibile. Per assistere allo show occorre scegliere luogo e momento giusto. Pronti a partire?

Cos’è l’aurora australe

Quel fenomeno ottico dell’atmosfera terrestre, che mette in scena luci di diverse forme e colori che mutano nel tempo e nello spazio, prende il nome di aurora polare. Può essere boreale o australe in base al luogo in cui questa si verifica (emisfero nord o sud). Le spettacolari bande luminose che si librano nel cielo e che ci affascinano da secoli, col tempo sono diventate una vera e propria attrazione turistica. Queste sono provocate dall’incontro delle particelle di protoni ed elettroni con l’atmosfera terrestre.

L’aurora australe, come il nome stesso suggerisce, è visibile nell’emisfero australe, al sud dell’Equatore. Uno dei luoghi in cui la caccia alla bellezza restituisce le migliori visioni è proprio l’Australia. Il luogo più privilegiato per l’osservazione è per esempio Bruny Island, in Tasmania, dove la natura regna selvaggia e l’inquinamento urbano è ridotto al minimo.

Aurora australe: i luoghi dove scovarla

L’aurora australe è visibile ogni mese dell’anno, anche se esistono alcuni periodi in cui è più facile avvistarla e questi coincidono in generale con l’inizio dell’estate, l’inverno e la primavera. I suoi colori sono meravigliosi, contraddistinti da tonalità vivaci cangianti e incredibili sfumature. Ma, come abbiamo anticipato, ammirare il fenomeno delle luci del sud è più difficile rispetto a quello delle luci del nord perché il cielo protegge gelosamente il suo tesoro più prezioso.

Tuttavia ci sono alcuni luoghi nel mondo che possiamo raggiungere per assistere allo spettacolo magico. La Nuova Zelanda, per esempio, custodisce un luogo prezioso e selvaggio, dove la natura regna sovrana, che prende il nome di Rakiura National Park. Il suo nome, che in lingua maori significa la terra dei cieli ardenti è un invito all’osservazione. L’assenza di inquinamento luminoso, qui, apre moltissime possibilità di avvistare l’aurora australe.

Anche la Georgia del Sud ci concede questa possibilità. Nell’arcipelago situato più a sud del mondo, tra foche e pinguini, è possibile ammirare lo spettacolo, meglio ancora se si organizza un viaggio durante l’inverno.

Alle destinazioni sopra citate si aggiungono anche le Isole Falkland, patrimonio immenso di biodiversità. Qui è possibile osservare lo show che annulla i confini con il cielo. Il periodo migliore per ammirare l’aurora australe da qui è quello che va da aprile ad agosto.

Lago Tekapo, Nuova Zelanda