Nella Terra di Mezzo: Nuova Zelanda ieri e oggi

Innamorarsi delle incredibili atmosfere de Il Signore degli Anelli è facile, dimenticarle è impossibile: la Terra di Mezzo è un luogo dove la fantasia vola senza alcun freno, dove realtà e immaginazione si mescolano sapientemente. A dar vita a questa magia è una location unica al mondo, la Nuova Zelanda. Che, da quando è uscita la celebre trilogia, è cambiata enormemente, pur rimanendo la stessa.

Il primo film della saga tratta dal romanzo di Tolkien è uscito nel 2001, esattamente 20 anni fa. Le sue ambientazioni incredibili ci hanno catapultato in posti selvaggi e incontaminati, panorami epici che ci hanno fatto sognare. Tutto merito della bellezza maestosa della Nuova Zelanda, terra che ha “prestato” il suo volto più affascinante a Il Signore degli Anelli. Ancora oggi, nonostante il tempo sia passato, questa regione viene ricordata proprio per essere stata la location di un vero capolavoro cinematografico.

Se Il Signore degli Anelli deve tanto alla Nuova Zelanda, è pur vero anche il contrario. Negli anni passati dall’uscita del film nelle sale cinematografiche di tutto il mondo, il turismo in questa sperduta zona circondata dalle acque dell’oceano Pacifico ha vissuto un incremento notevole. Una vera e propria impennata, in realtà: nel 2019 – periodo pre-pandemia – ancora il 18% dei viaggiatori hanno dichiarato di aver scelto questo Paese per rivivere le emozioni della trilogia fantasy. Dati che, rivelati dalla General Manager di Tourism New Zealand Sarah Handley, fanno ben capire quanto le persone amino questi paesaggi incredibili.

Il monte Cook

Eppure, la Nuova Zelanda è cambiata. Da quando, per la prima volta, la troupe de Il Signore degli Anelli ha fatto tappa sul suo territorio, qualcosa si è trasformato. Le lussureggianti colline e le aspre vette rocciose sono le stesse, così come le acque cristalline e l’atmosfera di pura magia che vi si può vivere. Ma alcune location sono spuntate qua e là sul territorio, regalando ai fan della saga di Tolkien un motivo in più per volare in questo Paese fantastico. L’esempio più suggestivo è sicuramente Hobbiton.

Il piccolo villaggio degli Hobbit esiste davvero, e si trova a poca distanza da Matamata, in un luogo pressoché deserto. Qui è stato creato un piccolo capolavoro divenuto famoso grazie al cinema, e oggi meta di tantissimi turisti. Il mulino a vento, il ponte in pietra, ampi allevamenti di pecore e pertugi nascosti: tutto è rimasto tale e quale a come lo avevamo visti nel film, anche se nel 2011 l’intero villaggio ha subito un’importante opera di restauro – giusto in tempo per la realizzazione de Lo Hobbit, altro grandissimo successo cinematografico.

Hobbiton