Da Vermeer a Van Gogh, tour dell’Olanda: 7 artisti per 7 giorni

Vermeer, Van Gogh, Rembrandt, Mondriaan, Escher, Bruegel, Hieronymus Bosch. Sono tutti artisti olandesi. Per chi è appassionato d’arte – ma anche i neofiti che ne sono affascinati – nei Paesi Bassi c’è un bellissimo tour che ripercorre i luoghi di questi famosi artisti. Luoghi legati alla loro vita privata o che li hanno ispirati nella realizzazione delle loro opere, alcune delle quali famosissime e, oggi, dal valore inestimabile.

L’itinerario ripercorre le orme di alcuni Maestri dell’arte olandese fino ai dipinti finiti ed esposti nei musei, per un’immersione totale nella vita e nelle opere di alcuni grandi artisti. Non solo Amsterdam, l’itinerario comprende anche la cittadina di Leida, quella di Delft – una piccola Amsterdam -, Rotterdam con la sua inconfondibile architettura, L’Aia e la natura olandese, dei parchi nazionali e dei canali, dei mulini a vento e dei campi di tulipani.

L’itinerario degli artisti olandesi

La maggior parte dei turisti che arriva nei Paesi Bassi atterra ad Amsterdam. Ed è da qui che parte il tour alla scoperta dei Maestri olandesi. La prima tappa imperdibile in città è una visita allo Stedelijk Museum. Non il Museo Van Gogh e neppure il più famoso Rijksmuseum. Si tratta, infatti, del museo di arte moderna e contemporanea più importante dei Paesi Bassi, dove sono esposte, tra le migliaia di opere di artisti internazionali, anche quelle di Piet Mondriaan.

Un autoritratto di Van Gogh al Rijksmuseum di Amsterdam

Solo in un secondo momento si visitano gli altri due musei. Il Museo dedicato a Van Gogh è uno dei luoghi più turistici di Amsterdam e anche chi non apprezza particolarmente il folle artista non manca mai di andarci. Alcune opere esposte sono diventate un must, da “I mangiatori di patate” a “La camera di Vincent ad Arles” fino agli autoritratti. Per una panoramica del cosiddetto Secolo d’oro olandese (1584-1702), il posto giusto è invece il Rijksmuseum, dove sono esposte le principali opere di Rembrandt e di Vermeer, tra cui la famosa “Lattaia”.

A Leida sulle tracce di Rembrandt

Lasciata Amsterdam, si va alla scoperta di quei luoghi che hanno ispirato gli artisti olandesi. La prima cittadina, raggiungibile in mezz’ora di treno, è Leida. Questa deliziosa località ospita l’università più antica dei Paesi Bassi. Affacciata sul fiume Oude Rijn, è anch’essa una città di canali ma anche di deliziosi cortili interni alle case chiamati “hofje” dove nel XV secolo le famiglie ricche erano solite ospitare le persone meno abbienti. È alla scuola di latino di Leida che ha studiato Rembrandt ed è nel Museo Lakenhal che si possono ammirare alcuni dei suoi quadri più importanti.

La cittadina di Leida con le luminarie natalizie

L’Aia di Vermeer

Il tour prosegue prendendo il treno verso Den Haag (L’Aia), dimora di uno degli artisti più importanti del Paese: Johannes Vermeer e della sua “Ragazza col turbante” (e non “La ragazza con l’orecchino di perla” che è il titolo del film ispirato alla storia di quest’opera). È esposta all’interno del Mauritshuis, un museo che ospita anche opere di Rembrandt e di altri artisti olandesi. Neppure all’Aia manca l’acqua, anzi, affaccia proprio sul Mare del Nord e ha persino una grandissima spiaggia dove gli olandesi si riversano d’estate. Questa città non è la Capitale, ma è qui che hanno sede tutte le istituzioni politiche, compresa la Famiglia Reale. Parlando di arte, imperdibile è anche la mostra permanente di un altro geniale artista olandese, Maurits Cornelis Escher, il maestro delle illusioni ottiche, che si tiene in un’antica reggia della Famiglia Reale, nel centro storico dell’Aia.

L’Aia, una città tra antico e moderno

Arte e architettura olandese a Rotterdam

La tappa successiva del tour artistico è Rotterdam. Questa città è famosa per il porto e per la sua architettura insolita. Intorno al Museumpark si trovano molti musei della città, incluso il Kunsthal Rotterdam, considerato un’icona dell’architettura contemporanea. Il museo principale di Rotterdam però è il Boijmans van Beuningen, dove sono esposte opere di molti artisti olandesi, tra cui Hieronymus Bosch, Pieter Bruegel il Vecchio e l’immancabile Rembrandt.

Le famose case cubiche gialle a Rotterdam

Zundert, la città natale di Van Gogh

A un’ora da Rotterdam, si trova la cittadina di Zundert. Per i fan di Van Gogh è una tappa imperdibile perché lei che ha dato i natali a uno degli artisti più famosi – e quotati – al mondo. La Vincent van GoghHuis si trova nel luogo in cui sorgeva la casa d’infanzia dell’artista, nel centro storico cittadino.

Offerta

Nella casa-museo, oltre alla mostra permanente “Vincent van Gogh – Le radici di un maestro”, vengono organizzate esposizioni temporanee di artisti del XX e del XXI secolo. Questa cittadina è famosa nel mondo per un altro motivo; ogni anno, fin dal 1936, vi si svolge la “flower parade” più grande del mondo, con carri decorati e ricoperti di splendide dalie.

Delft, la piccola Amsterdam

Canali che la attraversano, incrociandosi tra loro e che confluiscono in quello principale, il Delft, che dà il nome alla città. Questa è la casa di Vermeer, che è sepolto nella Oude Kerk, la vecchia chiesa. Tra i dipinti più celebri dell’artista c’è anche “Stradina di Delft” e, da secoli, gli esperti cercano di capire di quale stradina si tratti. Secondo una recente teoria, la stradina oggi è Vlamingstraat tra i civici 40 e 42, riconoscibile da due ingressi affiancati: è l’unica casa di Delft a essere fatta ancora oggi in questo modo. Inoltre, casualmente, una delle due abitazioni apparteneva proprio alla zia di Vermeer. Piccole imbarcazioni che navigano lente e che passano sotto i ponticelli attraversati dalle immancabili biciclette. Negozi, bar, locali e persino giardini che si affacciano e sontuosi edifici storici che si riflettono nelle acque. Una bellissima cartolina dell’Olanda, insomma.

Delft, la piccola Amsterdam di Vermeer

La natura olandese, musa artistica

A un’ora d’auto (o due di treno) da Amsterdam si raggiunge De Hoge Veluwe National Park, una delle foreste più vaste dei Paesi Bassi. Un tempo era riserva di caccia della Famiglia Reale. Nella vicina cittadina di Otterlo, appena fuori dai cancelli del parco, si trova il Kröller-Müller Museum che ospita la seconda collezione di opere di Van Gogh più grande al mondo, con circa 90 dipinti e oltre 180 disegni. Tra questi, le bozze di “I mangiatori di patate”, “Terrazza del caffè la sera, Place du Forum, Arles” e del “Sentiero di notte in Provenza”.