A Shanghai esiste un ponte che si “srotola” all’occorrenza

E se vi dicessimo che esiste un ponte da attraversare a piedi che può essere chiuso e aperto all’occorrenza? Forse qualcosa di simile è stato già avvistato in qualche film di fantascienza, ma mai nella realtà, almeno fino a oggi s’intende. A Shanghai, infatti, è stato inaugurato il ponte retrattile che si srotola solo quando serve.

Ma se credete che la novità assoluta si trovi solo in questa sua peculiare caratteristica vi sbagliate. Il ponte in oggetto, infatti, è stato interamente stampato in 3D. E non ci stupisce il fatto che sia stato ideato proprio a Shanghai una delle città che ha sfruttato al meglio la tecnologia per offrire servizi sempre più completi ai cittadini.

Il ponte telescopico stampato in 3D è stato inaugurato al Wisdom Bay Innovation Park e anche la sua collocazione non è un caso. Questo parco, infatti, è considerato il primo parco scientifico e popolare dell’intero territorio, complice la presenza di oltre 300 aziende, provenienti da tutto il mondo, che ogni giorno studiano, implementano e propongono progetti di robotica di stampa in 3D, produzioni intelligenti, realtà virtuale e aumentata e intelligenza artificiale.

All’interno del Wisdom Bay Innovation Park è presente anche una biblioteca, non una qualunque, ma la prima libreria cinese in cemento stampata in 3D. A questa, oggi, si aggiunge anche l’inedito ponte, insieme ad altre strutture che hanno sede nel parco dell’innovazione e che sono state costruite con la produzione additiva.

Oltre a rappresentare un grande passo avanti per la tecnologia, questo ponte telescopico si prepara a diventare una vera e propria attrazione turistica proprio per la sua particolare caratteristica di potersi srotolare solo all’occorrenza attraverso la tecnologia Bluetooth.

La struttura, che da chiusa ricorda un’opera d’arte a forma di ennagono, pesa 850 chili, ed è larga 1,5 metri. Completamente srotolata, la sua lunghezza raggiunge i nove metri e può ospitare il passaggio di venti persone alla volta.

Suddiviso in nove segmenti, il ponte è composto da 36 pannelli triangolari, tutti stampati in 3D. Ognuno di questi, però, ha un design diverso e davvero affascinante: così il ponte funzionale diventa anche un’opera d’arte da ammirare.

E chi sa, se in futuro, troveremo il ponte retrattile stampato in 3D anche in altre città del mondo, magari proprio vicino casa nostra.

ponte telescopico