Elezioni, quasi un milione di milanesi al voto con l’incognita dell’affluenza. Ai seggi non serve il green pass

Non serve il green pass per votare. Partiamo da qua, da un tema molto d’attualità. Poi passiamo ai numeri. Sfiorano il milione i milanesi chiamati alla due giorni di voto per scegliere il nuovo sindaco: 986.972, per l’esattezza, più i 42.260 elettori Aire (italiani residenti all’estero che per esprimere il proprio voto dovranno far rientro in Italia), per un totale di 487.653 maschi e 541.579 femmine. E tra questi, quasi 60mila neo diciottenni alla loro prima volta (30.132 ragazzi e 28.133 ragazze). Si troveranno ad armeggiare nella cabina elettorale con due schede — una azzurra per la scelta del sindaco e dei 48 consiglieri comunali, una verde per il presidente di Municipio e per i 30 consiglieri dei «parlamentini» — dal formato lenzuolo. Una versione «xl» dettata dalla valanga di pretendenti: 13 candidati sindaci, sostenuti da ben 28 liste collegate.

LEGGI ANCHE

Sulla scheda si potrà votare solo per il candidato sindaco, solo per la lista (in questo caso il voto andrà anche al candidato sindaco collegato), per entrambi, ed è anche possibile il voto disgiunto, cioè la scelta di un candidato sindaco e di una lista non appartenente alla coalizione che lo sostiene. Le preferenze per il consiglio comunale possono essere fino a due, solo se di sesso diverso.


La macchina elettorale ha allestito in questi giorni 1.248 seggi sparsi in città (nella sezione «dove voto» del portale web dedicato alle amministrative milanesi si può rintracciare la sede più vicina). Saranno aperti oggi, dalle 7 alle 23, e domani, dalle 7 alle 15 (eventualmente si replicherà il 17 e 18 ottobre, sempre domenica e lunedì, con gli stessi orari). A questi si aggiungono i 66 seggi speciali in ospedali, case di riposo e carceri e i cinque seggi speciali Covid. Uno sforzo che è costato all’amministrazione nove milioni di euro, se si comprendono anche le spese dei servizi informatici, degli straordinari del personale e dell’esercito di scrutatori. A questo proposito, sono stati sostituiti in totale 545 presidenti di seggio su 1.319 e 1.989 scrutatori su 5.134, di cui 23 ancora ieri.

Come a ogni tornata elettorale sono previste poi aperture straordinarie di alcuni sedi dell’anagrafe per rinnovare o rifare all’ultimo secondo la carta d’identità e la tessera elettorale. L’ultimo dato comunale segnala che dal 19 agosto sono state rilasciate oltre 19mila tessere, quasi 22mila carte d’identità digitali e 569 cartacee. Per l’occasione, l’Ufficio elettorale di via Messina e il salone anagrafico di via Larga riceveranno ad accesso libero oggi, dalle 7 alle 23, e domani, dalle 7 alle 15.30, per il rilascio della sola tessera elettorale. Mentre oggi, dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14 alle 17, si potranno ottenere entrambi i documenti nelle sedi di via Padova (Municipio 2), via Sansovino (Municipio 3), via Oglio (Municipio 4), viale Tibaldi e via Boifava (Municipio 5), viale Legioni Romane (Municipio 6), piazzale Stovani (Municipio 7), piazzale Accursio e via Quarenghi (Municipio 8), via Baldinucci e largo De Benedetti (Municipio 9). Per le persone disabili è previsto un servizio gratuito di trasporto alla sede di voto.

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Milano e della Lombardia iscriviti gratis alla newsletter di Corriere Milano. Arriva ogni sabato nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Basta cliccare qui.

3 ottobre 2021 | 01:49

© RIPRODUZIONE RISERVATA

social experiment by Livio Acerbo #greengroundit #corriereit https://milano.corriere.it/notizie/politica/21_ottobre_03/elezioni-quasi-milione-milanesi-voto-l-incognita-dell-affluenza-seggi-non-serve-green-pass-a0680540-23d2-11ec-a45c-030a2f8f22e2.shtml