Sta per salpare la nave da crociera più incredibile del mondo

Il nome la dice lunga: Prima. La nuova nave da crociera di Norwegian Cruise sarà unica al mondo. La nave, prima delle sei della nuova classe “Prima”, ha debuttato lo scorso mese di maggio e con vendite da record prima ancora di salpare per il suo primo viaggio.

I record della nave Prima

Il divertimento a bordo sarà rivoluzionario, grazie alla più grande pista da go-kart, la Speedway, su tre livelli, lunga 420 metri. Il tracciato, il più lungo su una nave, girerà intorno e attraverso il fumaiolo della nave con ben 14 curve e un lungo rettilineo dove 15 piloti contemporaneamente possono gareggiare in mare aperto, raggiungendo velocità superiori a 50 km orari.

Adrenalinico sarà anche il primo scivolo a secco freefall al mondo, The Drop, alto dieci piani e nell’area piscine ci sarà anche lo scivolo a onde, Tidal Wave.

la pista da go-kart dei record

Ma non è finita. A bordo ci sarà l’Ocean Boulevard, che occuperà l’intero ponte di oltre 4.000 metri quadrati, consentendo agli ospiti della nave di vivere l’oceano mentre si godono cene all’aperto ed esperienze uniche come l’Oceanwalk, dove due ponti di vetro faranno sentire gli ospiti come se stessero camminando sull’acqua.

La piscina a sfioro della Prima

Lusso a bordo

Delle oltre tremila cabine (tutte più ampie di qualsiasi nuova nave appena costruita e di ben 13 diverse categorie), alcune saranno racchiuse all’interno di un’area esclusiva, The Haven, dove ci saranno suite di lusso distribuite su otto ponti accessibili con ascensori privati. Le suite più grandi avranno anche tre camere da letto e saranno le più grandi cabine con vista sull’oceano e con balcone, inclusi i bagni e le docce più grandi di sempre.

La terrazza con piscina delle suite

In quest’area ci saranno anche spazi comuni dedicati, una splendida piscina a sfioro con sundeck e vista sull’oceano e una spa all’aperto dove anche la sauna e la cold room per la crioterapia avranno pareti di vetro per godersi il panorama. Sarà una nave nella nave, insomma.

Avranno un valore di due milioni di dollari le opere d’arte esposte nel Concourse, un giardino di sculture all’aperto con un art wall progettato dal famoso artista David Harber e sei installazioni create da Alexander Krivosheiw, con un’arte immersiva ispirata alla mitologia antica e alle forme astratte contemporanee. Queste originali sculture offriranno effetti sorprendenti che cambiano al tramonto, rendendole perfette per le foto.

I numeri della Norwegian Prima

La Prima avrà una lunghezza di 295 metri, 142.500 tonnellate di stazza lorda e una capacità di 3.215 ospiti in doppia occupazione. Questa meraviglia di nave è Made in Italy. Esce, infatti, direttamente dai cantieri navali di Fincantieri a Marghera. Inoltre, sullo scafo sarà realizzata un’opera d’arte, ideata dal writer italiano Manuel Di Rita, conosciuto come “Peeta”.

L’opera d’arte di Peeta sulla Prima

Tra gli architetti di livello mondiale che hanno contribuito alla progettazione di Norwegian Prima figurano il designer Piero Lissoni e importanti studi di architettura come Rockwell Group, SMC Design, Tillberg Design of Sweden, YSA DESIGN e Studio Dado con sede a Miami, che ha concettualizzato e definito l’estetica di vari ristoranti, cabine e aree pubbliche a bordo.

Gli itinerari della Prima

A partire dall’estate 2022, la Norwegian Prima offrirà itinerari nel Nord Europa, con crociere in partenza da Amsterdam e Copenhagen, portando i passeggeri alla scoperta dei fiordi norvegesi e del Mar Baltico. Farà quindi un viaggio transatlantico di 12 giorni da Southampton a New York, attraverso le Isole Shetland scozzesi, Halifax, nella Nuova Scozia, con un pernottamento a Reykjavik, in Islanda.

Durante l’autunno e l’inverno, la nave si trasferirà oltreoceano e offrirà crociere alle Bermuda e ai Caraibi, con itinerari che toccheranno i porti di New York, Galveston, nel Texas (il suo home port), Miami e Orlando, comprese le soste a Harvest Caye, l’isola-resort privata nel Belize della compagnia e l’isola di Great Stirrup Cay, alle Bahamas.

Una città galleggiante sta per salpare