Scontri a un presidio di lavoratori licenziati dalla Fedex-Tnt fuori da una ditta di logistica nel Lodigiano: 9 feriti. I sindacati: “Aggressione organizzata, picchiati con bastoni”

Scontri, bastonate e feriti nella notte fuori dal deposito di un’azienda di logistica, la Zampieri Holding, in via Orecchia a Tavazzano con Villavesco, nel Lodigiano, dove la situazione è degenerata mentre era in corso un presidio organizzato da un gruppo di lavoratori licenziati dall’hub della Fedex-Tnt di Piacenza, chiuso nei mesi scorsi dalla corporation americana, sostenuti dal Si Cobas. Il presidio, l’ennesimo presso le logistiche del sud Milano dopo i precedenti a Peschiera Borromeo e a San Giuliano, era iniziato a mezzanotte con il blocco dei tir da parte dei manifestanti dell’hub piacentino ed è proseguito con il lancio di oggetti da entrambe le parti. Quindi all’1.30 la tensione è definitivamente esplosa e spalancati i cancelli, le due parti sono venute alle mani.

“Si tratta di lavoratori – spiegano fonti sindacali – della FedEx-Tnt che, arrivati a Tavazzano hanno trovato persone che si ritiene possano anche essere guardie private, che li hanno assaliti anche con bastoni e taser”. Nella ricostruzione delle forze dell’ordine invece gli scontri sarebbero avvenuti tra un gruppo di lavoratori della Zampieri che avevano appena finito il turno, e alcune guardie giurate, e i manifestanti della Fedex a colpi di pezzi di bancali trovati tra i capannoni e usati per colpire. Esclusa la presenza di taser. Molto lo spavento tra i residenti delle abitazioni vicine alla zona svegliati tra l’1 e l’1,30 dalle urla.

Alla fine degli scontri nove persone sono state soccorse dai sanitari del 118 tra cui un nordafricano colpito alla testa con l’asse di un bancale. L’uomo ha riportato una ferita aperta sul cranio, è stato trasportato all’ospedale San Matteo di Pavia e da lì dimesso con una prognosi di 15 giorni.

Sul posto sono accorsi un’automedica, un’auto-infermieristica e cinque ambulanze, carabinieri e polizia stradale. “Quello che è successo è inqualificabile, ha gettato ulteriore benzina sul fuoco, ma non ci fermeranno, andremo avanti – promette il coordinatore provinciale dei Si-Cobas Lodi-Cremona Fulvio Di Giorgio -. La FedEx sta cercando di far passare la politica di ‘amazonizzazione’ interna lasciando a casa i lavoratori e riassumendoli tramite altre cooperativa togliendo loro i diritti acquisiti, ma non l’avrà vinta”. La vertenza è già stata oggetto d’interpellanze parlamentari, ma i fatti ‘lodigiani’ aprono una nuova pagina nello scontro sindacato-azienda.

Sono in corso le indagini della procura di Lodi per chiarire la dinamica degli scontri e valutare eventuali denunce a carico dei partecipanti.


social experiment by Livio Acerbo #greengroundit #repubblicait https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/06/11/news/scontri_presidio_lavoratori_logistica_nel_lodigiano_un_uomo_grave-305514025/?rss