Covid, Lombardia in «giallo virtuale»: pronti a riaprire. Vaccini, tocca alla fascia 65-69 anni

La nuova sfumatura è quella del giallo virtuale. Mancava al catalogo di questi mesi di frenetico su e giù secondo il semaforo delle restrizioni. Perché la pagella lombarda al monitoraggio di ieri della cabina di regia sarebbe valsa un cambio di fascia, ma la decisione resta congelata dal decreto del governo che non consente sconfinamenti in giallo fino a buona nuova. Che è poi l’apertura annunciata poche ore dopo dal premier Mario Draghi che, per quanto in modalità «rafforzata», consentirà il primo vero allentamento alle Regioni nel segno della vita all’aperto, in particolare per chi si potrà permettere di apparecchiare fuori.

Così la Lombardia si appresta ad entrare nella settimana decisiva per consolidare i dati e allentare le restrizioni dal 26 aprile. «I numeri sono certamente positivi», conferma il governatore Attilio Fontana. Un Rt a 0,78, inferiore alla media nazionale di 0,85, e un’incidenza in lento, ma costante calo da settimane, a quota 162, ben al di sotto della soglia di rischio di 250. L’altra novità riconosciuta dal Cts è il passaggio per la Lombardia da rischio «moderato con alta probabilità di progressione» a solo «moderato». Sembra un dettaglio, ma è la conferma di come lo scenario epidemiologico sia profondamente mutato nelle ultime settimane passate tra l’arancione e il rosso.

Sono in calo anche i ricoveri e quindi la pressione sul sistema sanitario che resta per ora ancora alta sulle terapie intensive (la soglia di occupazione è comunque scesa al 50 per cento), ma da diversi giorni le rianimazioni hanno iniziato a svuotarsi. Ultimo segnale della scaletta iniziata con il raffreddamento della curva delle chiamate all’Areu per sintomi respiratori e gli accessi al Pronto soccorso. Anche ieri un segno meno nel bollettino quotidiano del Pirellone, con i letti occupati che calano di 11 unità (il totale è ora di 728) e di ulteriori 256 anche negli altri reparti (5.131).

Cosa non deve succedere per restare inchiodati all’arancione ora che il trend indica l’uscita dal tunnel? Nei prossimi giorni l’incidenza dei contagi (ieri 2.431, il 5,1 per cento dei tamponi processati) dovrebbe continuare a calare dopo i picchi di marzo. Stesso discorso ci si può aspettare dal dato dei ricoveri. Resta l’incognita dell’indice Rt, che deve mantenersi sotto l’1, ma potrebbe subire qualche lieve oscillazione dovuta alla progressiva riapertura di negozi e scuole.

Anche l’andamento della campagna di vaccinazione delle fasce più anziane e di quelle fragili, entrato tra i parametri di valutazione della cabina di regia, avanza a livelli da semaforo verde. «Lunedì apriremo anche le prenotazioni per la fascia tra i 65 e i 69 anni, quindi potrò mettermi in lista anch’io — ha spiegato Fontana, che riceverà quindi la sua dose di AstraZeneca —. Abbiamo superato i 2.250.000 vaccini somministrati e la media giornaliera si è attestata sulle 50 mila somministrazioni». Dato che segna il cambio di passo, anche se la tabella di marcia illustrata da Guido Bertolaso, prevede di ingranare presto ulteriori marce.

Intanto sono operativi i primi Frecciarossa Covid-free, diretti e, per ora, senza fermate intermedie, con tamponi prima di salire a bordo. Il primo è arrivato ieri mattina a Milano dalla stazione di Roma Termini. Il secondo è partito in direzione Capitale alle 18. Un primo passo verso i viaggi in sicurezza, bandiera della nuova estate alle porte: basta presentarsi in stazione con 45 minuti di anticipo, con un’attestazione di tampone fatto entro le 48 ore, oppure facendolo direttamente allo stand allestito in stazione dalla Croce Rossa.

Leggi anche

Sul fronte dei controlli invece è stato chiuso, nella notte tra giovedì e venerdì, un ristorante in via Fratelli Bronzetti, con 26 clienti multati tra il primo e il secondo seduti tranquillamente ai tavoli con tanto di saracinesca alzata e insegna accesa. Il bilancio del presidio No-Mask di ieri in Duomo racconta invece di 20 fedelissimi alla linea, quindi senza mascherina, identificati e sanzionati.

17 aprile 2021 | 07:36

© RIPRODUZIONE RISERVATA

social experiment by Livio Acerbo #greengroundit #corriereit https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/21_aprile_17/covid-lombardia-giallo-virtuale-pronti-riaprire-vaccini-tocca-fascia-65-69-anni-7f39d872-9f3d-11eb-8597-6499de4a4df8.shtml