La polemica sul vaccino alla nonna, Fedez alla regione Lombardia: “Fontana e Moratti, chiedete almeno scusa”

Attilio Fontana e Letizia Moratti vogliamo riscoprire il senso della vergogna e chiedere scusa a tutti i cittadini per avere adottato un comportamento che non vede nel cittadino stessi diritti e stesse opportunità ma una modalità che verte a salvarsi la faccia e evitare la gogna mediatica? Chiedete almeno scusa”. Parola di Fedez. Dal pulpito di Instagram, il rapper torna sul vaccino fatto con ritardo a sua nonna novantenne, fatto solo dopo la denuncia social di sua moglie Chiara Ferragni. Il comunicato della Ats Città Metropolitana di Milano che aveva dato la sua versione sulla vicenda non lo soddisfa. Anzi lo fa andare su tutte le furie.

Fedez e il vaccino in ritardo alla nonna novantenne: “Fontana e Moratti chiedete almeno scusa”

Luciana Violini, nonna di Fedez, 90enne, aveva avuto la prima dose del vaccino anti Coronavirus il due aprile, solo ieri. La moglie del cantante, Chiara Ferragni, aveva denunciato che la sanità lombarda aveva contattato la signora Violini solo dopo un suo post in cui segnalava il ritardo. Aggiungeva poi che il personale che aveva telefonato si era rivolto alla novantenne chiamandola “la nonna di Fedez”. Una versione smentita dall’Ats della Città Metropolitana di Milano, che ha dichiarato che non c’è stato alcun favoritismo essendo il ritardo dovuto ad un errore nella compilazione della domanda. Di qui l’ira social di Fedez che ai suoi follower ha voluto raccontare come sono andate, dal suo punto di vista, realmente le cose.

La versione di Fedez: “Mia nonna chiamata dopo i nostri post”

“Dicono che abbiamo sbagliato a compilare il modulo? Sul sito di Aria, quando si compila la domanda per il vaccino, il comune di residenza viene messo in automatico. Mia nonna la domanda la compilò mesi fa e fu contattata per essere vaccinata il giorno dopo che io pubblicai una storia, il giorno dopo, solo una strana coincidenza? Lei non potè uscire perchè inferma a una gamba. Fu dimenticata come molti altri anziani. E settimane dopo, il giorno dopo che mia moglie pubblicò una storia per lamentarsi della Regione, viene contattata e le chiedono ‘lei è la nonna di Fedez?’. Questa è la modalità Lombardia, cercare di tappare i buchi trovando soluzioni che non siano uguali per tutti ma che mettano a tacere le polemiche in un sistema che fa acqua da tutte le parti”

 

La risposta dell’Ats al post di Chiara Ferragni

L’Ats Città Metropolitana di Milano riceve ogni giorno decine di segnalazioni in merito a cittadini over 80 che non sono stati ancora convocati per la vaccinazione anti covid. Alla luce di verifiche nella maggior parte di casi si tratta di disguidi dovuti ad errori nella compilazione della domanda. Tutte queste persone vengono contattate telefonicamente e convocate per la somministrazione. Nessuno dei nostri operatori ha chiesto alla signora se fosse “la nonna di Fedez”. La somministrazione offerta oggi alla signora citata da Chiara Ferragni (che ha omesso il comune di residenza nella compilazione dell’adesione) è avvenuta anche per altri cittadini. Come annunciato si sta concludendo la fase della campagna dedicata alla categoria over 80, quindi si stanno compiendo le ultime verifiche per recuperare tutti coloro che hanno aderito.

“Fatemi sapere poi – conclude Fedez – se vogliamo andare avanti o volete solo chiedere scusa a tutti i cittadini per questo comportamento vergognoso”. 


social experiment by Livio Acerbo #greengroundit #repubblicait https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/04/03/news/fedez_nonna_vaccini_regione_lombardia_instagram_fontana_moratti-294960583/?rss

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.