Dal festival di Sanremo Pellegrini e Tomba lanciano ‘Dado’ o ‘Futura’, loghi di Milano-Cortina 2026

Prende il via dal palco di Sanremo la grande avventura delle Olimpiadi e Paralimpiadi Invernali di Milano Cortina 2026. Federica Pellegrini e Alberto Tomba, insieme ad Amadeus, hanno svelato in esclusiva mondiale i due possibili loghi dei Giochi italiani che da oggi saranno sottoposti a voto popolare sul sito e sulla App di Milano Cortina 2026. Per la prima volta nella storia, il simbolo di un’Olimpiade sarà scelto dalla gente. Pellegrini ha invitato gli spettatori a votare per ‘Futura‘, Tomba per ‘Dado‘.

Olimpiadi Milano-Cortina 2026: una montagna di soldi

“Sono felice di essere tornata al Festival per lanciare il voto popolare di Milano Cortina 2026”, ha spiegato la campionessa di nuoto a margine dell’intervento a Sanremo. “L’ultima volta che ci ero stata era 9 anni fa con Gianni Morandi. L’ansia di scendere quelle scale è la stessa, ma l’emozione è ancora più forte. Questi Giochi saranno una vetrina straordinaria e una grande occasione per il Paese. Saranno i Giochi di tutti – ha concluso – e tutti devono partecipare a partire da questo voto sull’App e sul sito di Milano Cortina 2026”.

(agf)

Per Alberto Tomba, “questo Festival ha unito musica e sport e non poteva che chiudersi con la celebrazione del prossimo grande evento che ospiterà il nostro Paese. Vorrei veramente che fossero i Giochi di tutti gli italiani. Saremo tutti parte di una bellissima avventura a cominciare da oggi: per la prima volta gli italiani sono invitati a scegliere quale sarà il logo dei Giochi Olimpici, quindi votate e che vinca il migliore”.

La votazione sull’emblema olimpico resterà aperta per due settimane sul sito www.milanocortina2026.org e sull’app Milano Cortina 2026. Il risultato verrà quindi annunciato in una puntata speciale dei Soliti Ignoti su Rai1 dedicata ai Giochi Olimpici e Paralimpici di Milano Cortina 2026.

I loghi studiati per piacere a chi oggi ha 15 anni

I due loghi sono stati elaborati dalla Landor, che fa parte della multinazionale inglese Wpp, che in Italia è guidata dall’ad Antonio Marazza. Entrambi in movimento come quello da scelto per i Giochi di Los Angeles. Studiati per piacere a chi, tra atleti e appassionati di sport invernali oggi ha 15 anni, ma nel 2026 magari sarà maggiorenne. Con una particolare attenzione alla sensibilità ambientale. Perché il nuovo logo avrà uno scopo diverso dal precedente. Quello di interessare il pubblico e durare cinque anni. Non solo di promuovere la candidatura di Milano-Cortina 2026.

“È il primo passo ufficiale della nostra fondazione ed è un grande successo essere riusciti a farlo di fronte alla platea più importante che i nostri media mainstream possano fare” commenta a caldo Vincenzo Novari, che guida il Comitato organizzativo Olimpiadi Milano Cortina 2026.

La scelta di Tomba non è stata casuale

La scelta di far lanciare ad Alberto Tomba le due nuove proposte di logo per i Giochi invernali di Milano e Cortina dal palco della città dei fiori non è stata casuale. Nel 1988, proprio durante il Festival di Sanremo, infatti, l’allora ventunenne fuoriclasse dello sci italiano vinse sulle nevi delle Olimpiadi di Calgary la medaglia d’oro con sei centesimi di vantaggio.

“Sarà la quarta Olimpiade per l’Italia e la sesta per me” aveva scritto Tomba sul suo profilo su Facebook il 24 giugno 2019. Il giorno in cui gli ottantadue delegati del Comitato olimpico internazionale hanno scelto Milano, la Valtellina e la nota località sciistica delle Dolomiti come sede delle Olimpiadi invernali 2026. L’11 febbraio scorso l’Anci, l’associazione dei Comuni italiani, e la Fondazione Milano-Cortina 2026 hanno firmato un protocollo per costruire un programma di manifestazioni ed eventi.

social experiment by Livio Acerbo #greengroundit #repubblicait https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/03/07/news/milano-cortina_2026_due_settimane_di_giuria_popolare_per_il_simbolo_delle_olimpiadi-290701005/?rss