Coronavirus in Lombardia, Fontana: “Didattica a distanza parziale per le superiori e più smartworking. Ipotesi bar chiusi alle 21”

“Le nuove misure non saranno drammatiche”. Lo ha detto il presidente della Lombardia Attilio Fontana, dopo l’incontro con i sindaci in videoconferenza parlando della prossima ordinanza che potrebbe essere emanata tra questa sera e domani. “I lombardi posso essere meno preoccupati – ha aggiunto rispondendo ad una domanda – ma devono essere attenti alle misure altrimenti c’è il rischio che l’epidemia degeneri” “Io – ha anche detto – sono meno preoccupato che a marzo”. Le misure sono quelle decise durante l’incontro con i sindaci della Lombardia e i capigruppo in Consiglio regionale a cui ha partecipato anche il prefetto di Milano Renato Saccone e che saranno valutate dal Comitato tecnico scientifico del governo che si riunirà entro sera. Ecco quali sono le proposte della Lombardia.

in riproduzione….

L’ordinanza inoltre sarà “uniforme a livello regionale”, non prevederà in sostanza diverse misure a seconda dei territori.

in riproduzione….

Coronavirus in Lombardia, didattica a distanza parziale e più smartworking

“Il primo argomento è ridurre le persone sul trasporto pubblico locale” e quindi, legato a questo tema, “tutti ritengono sia necessario chiedere che si proceda a una didattica a distanza non assoluta ma parziale, che ci sia una possibilità di avere un’alternanza di didattica a scuola e a casa”, ha detto Fontana, specificando che la didattica a distanza riguarderà solo le scuole superiori.
 
“Abbiamo chiesto che si cerchi di organizzare la distribuzione dell’inizio delle attività scolastiche , questo dovrebbe portare a una riduzione delle presenze trasporto pubblico”. Un’altra proposta che faremo al Comitato tecnico scientifico “è di richiedere al sistema universitario la possibilità di insistere sulla didattica a distanza con l’esclusione delle matricole e degli specializzandi”.

Coronavirus in Lombardia, stop alcol per strada sera tardi e più controlli

Tra le ipotesi per la nuova ordinanza c’è quella della chiusura dei locali alle 21 e il divieto del consumo di bevande sul suolo pubblico “dopo una certa ora”. “È stato richiesto dai sindaci che si proceda a maggiori controlli perché le misure trovino una applicazione precisa – ha aggiunto Fontana -. Non abbiamo ancora stabilito l’orario per il divieto di consumo di bevande perché vogliamo sentire il Comitato tecnico scientifico”.
 
“Da domani ci saranno più controlli sull’ordinanza” regionale, “ancora più incisivi e massicci: i controlli sono incisivi se c’è un comportamento di adesione delle persone – ha aggiunto il prefetto di Milano, Renato Saccone – non parliamo di coprifuoco per favore perché la nostra vita non dipende solo dall’apertura di un bar e di un ristorante”.

 Coronavirus in Lombardia, stop agli sport di contatto

“Abbiamo pensato che sia opportuno sospendere ogni attività sportiva di contatto, anche per la categoria dilettanti, ma non gli allenamenti”: queste le parole di Fontana.
 
social experiment by Livio Acerbo #greengroundit #repubblicait https://milano.repubblica.it/cronaca/2020/10/16/news/coronavirus_lombardia_fontana_sala_sindaci_nuove_misure-270770470/?rss

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.