Milano, sbanda con il monopattino nel sottopasso e si scontra con un’auto: grave uomo di 36 anni

Un uomo di 36 anni è stato trasportato d’urgenza in ospedale in gravi condizioni mercoledì mattina, dopo essersi scontrato con un’auto mentre viaggiava col proprio monopattino a Milano. L’incidente è avvenuto pochi minuti prima delle 11 nel sottopasso Mortirolo, in via Tonale.

La dinamica

Secondo quanto appreso finora l’uomo, di origini filippine, stava viaggiando sul mezzo elettrico di sua proprietà nella corsia di destra quando ha perso il controllo (non è chiaro se per un problema tecnico o per il manto stradale sconnesso) e dopo aver sbandato un paio di volte è stato urtato da una Hyundai che in quel momento stava cercando di sorpassarlo a sinistra. Il 36enne, che non indossava il casco, è finito contro il parabrezza dell’auto sfondandolo e ha battuto la testa. È stato trasferito all’ospedale Niguarda in codice rosso. Quando è stato soccorso era cosciente; è stato poi sedato e intubato.

I dati

«Questo incidente è il 130°in monopattino dal 1° giugno ad oggi a Milano secondo i dati Areu, nonché l’ottavo in meno di 48 ore», riferisce l’assessore regionale alla sicurezza stradale Riccardo De Corato, che chiede l’introduzione dell’obbligo del casco «per chiunque utilizzi questi mezzi, come lo è già per i minori».

L’iniziativa

Per coincidenza, proprio martedì mattina l’assessore comunale alla Mobilità Marco Granelli ha presentato un’iniziativa per sensibilizzare gli utenti dei monopattini al rispetto delle regole per la sicurezza stradale, organizzata il collaborazione con le aziende di monopattini elettrici in sharing a Milano (Helbiz, Bit, Bird, Lime, Wind, Voi, Dott). Fino al 24 settembre, sette steward controlleranno giornalmente le strade di Milano, fermando le persone che in monopattino non rispettano il codice della strada e spiegando il regolamento di circolazione. Nelle ore diurne le zone pattugliate comprendono il Centro Storico, da San Babila a Cairoli, mentre durante le ore notturne (fino a mezzanotte) le aree più pattugliate comprendono quelle della movida: Arco della Pace, Navigli, Ticinese, corso Como, corso Garibaldi. Nei primi tre giorni di attività, iniziata l’11 settembre, sono state rilevate 420 infrazioni-segnalazioni, principalmente sul trasporto dei passeggeri (come l’utilizzo di due persone per monopattino), la guida sul marciapiede e il parcheggio irregolare.

Il sindaco

«I monopattini sono veicoli utili ed ecologici per gli spostamenti in città, ma devono essere usati in modo consapevole, con prudenza e rispetto». Lo ha scritto sulla sua pagina Facebook il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. «Il codice della strada non può essere sottoposto a interpretazioni, né a deroghe. La nostra Polizia Locale è allertata per far rispettare le regole, ma serve un maggior senso di responsabilità degli utenti – ha aggiunto -. Il monopattino elettrico si sta diffondendo in tutte le grandi città internazionali ed è naturale che sia così anche a Milano. Ciò che però io vedo, e come me tutti i milanesi, sono comportamenti tutt’altro che esemplari nell’utilizzo di questi veicoli. Dall’andare in due su un unico mezzo, al percorrere le strade contromano, fino al guidare sul marciapiede, per non parlare del parcheggio disordinato». Il sindaco, elogiando l’iniziativa dei gestori, conclude: «Ad oggi abbiamo emesso autorizzazioni per 6.000 mezzi, prima di aumentare la flotta circolante voglio vedere un chiaro miglioramento nelle modalità di utilizzo».

16 settembre 2020 | 13:28

© RIPRODUZIONE RISERVATA

social experiment by Livio Acerbo #greengroundit #corriereit https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/20_settembre_16/milano-sbanda-il-monopattino-sottopasso-si-scontra-un-auto-grave-uomo-34-anni-ea0e6870-f80d-11ea-b07a-89de8d9d3d69.shtml